La richiesta da Montegrotto: «Governo e Regione, bonus salute di cure termali per sopravvissuti al Covid»

La proposta è stata avanzata al Governo e alla Regione del Veneto dal sindaco di Montegrotto Terme, Riccardo Mortandello, vicepresidente dell’Associazione nazionale dei Comuni Termali

Un bonus di mille euro da spendere nelle strutture termali per una vacanza di rigenerazione per i professionisti sanitari (medici, infermieri, operatori socio sanitari) che sono stati a diretto contatto con le persone ammalate di Covid-19 s e per le persone colpite dal virus dichiarate guarite: la proposta è stata avanzata al Governo e alla Regione del Veneto dal sindaco di Montegrotto Terme, Riccardo Mortandello, vicepresidente dell’Associazione nazionale dei Comuni Termali. 

Salute

«L’Area dei Colli Euganei e delle Terme è la più importante destinazione per la salute preventiva in Europa. Le nostre acque termali di tipo salsobromoiodico sono utilizzate fin dall’epoca romana per le proprietà benefiche e rilassanti proprie e del fango termale. Medici, infermieri e operatori sanitari sono stati sottoposti per mesi a turni massacranti con un forte stress psicofisico. Hanno visto morire i loro colleghi e meritano un supporto. Lo stesso vale per i pazienti pazienti che hanno superato la malattia, in modo possano rigenerare le preziose energie fisiche e mentali. Questo provvedimento sarebbe anche un toccasana per le località termali durante colpite dal blocco, avvenuto in quella che è la stagione più alta dell’anno, anche perché i beneficiari che potenzialmente usufruiranno del ciclo di cure fangoterapiche, inalatorie e riabilitative potrebbero, a proprie spese, portare con loro i familiari. Il bonus salute diventerebbe quindi anche un elemento per il rilancio del turismo termale e lo sviluppo del turismo nel territorio circostante», spiega il sindaco Mortandello.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Proposta

La proposta mira a offrire la possibilità di accedere, mediante convenzione con il servizio socio sanitario nazionale, con l’istituto di previdenza sociale, con le casse previdenziali di appartenenza dei soggetti coinvolti e con un ulteriore bonus sia esso regionale o nazionale, a delle cure balneo termali presso i Comuni Termali Italiani. Il sindaco Mortandello è già al lavoro per coinvolgere la destinazione Turistica OGD Terme e Colli Euganei, il consorzio Terme e Colli Marketing, l’A.N.Co.T . – Associazione Nazionale Comuni Termali, Federterme e E.H.T.T.A. - Associazione Europea delle Città Storiche Termali chiedendo loro di sottoscrivere il progetto. «Sarà importante - afferma - fare squadra tra noi e richiedere il sostegno dei rappresentanti in parlamento del nostro territorio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Formaggi a Villa Contarini, giardini aperti, visite, spettacoli e sagre: il weekend a Padova

  • Focolaio all'asilo notturno del Torresino: 30 positivi al covid su 82 ospiti

  • Occhio al semaforo: attivata la sperimentazione di un nuovo T-Red a Padova

  • Perde il controllo della sua barca dopo un'onda anomala: muore idraulico padovano

  • Clienti nel magazzino per sniffare cocaina tra una portata e l'altra: ristoratore in manette

  • Focolaio del Torresino: una persona positiva tenta la fuga, le forze dell'ordine lo bloccano (Video)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento