Politica Albignasego

Illuminazione pubblica, investimento nel Comune dell'hinterland per rinnovare 212 punti luce

È stato approvato dalla Giunta comunale un importante investimento, pari a 88 mila euro, per rinnovare 212 punti luce dislocati nel territorio di Albignasego.

È stato approvato dalla Giunta comunale un importante investimento, pari a 88 mila euro, per rinnovare 212 punti luce dislocati nel territorio di Albignasego.

Rinnovare

Nel 2015 il Comune di Albignasego ha affidato tramite Consip (la centrale acquisti della pubblica amministrazione italiana) la manutenzione della pubblica illuminazione a un unico gestore, che lo scorso giugno ha presentato un progetto con la necessità di porre mano a oltre 200 lampioni attraverso interventi aggiuntivi “extra canone”, nei quali sarà utilizzata la tecnologia a led, maggiormente economica ed ecologica. Del finanziamento di questi interventi si farà carico il Comune, che ha appunto stanziato 88 mila euro, a fronte di un risparmio economico che sarà suddiviso e visibile nei prossimi cinque anni. Dal 2016 l’Amministrazione comunale ha rinnovato buona parte dei lampioni della pubblica illuminazione e dei semafori. Per il 2021 sono in fase di progettazione interventi di riqualificazione in ulteriori 271 punti luce, da realizzare entro il mese di settembre, che comporteranno un risparmio energetico annuo del 65%, pari a 60.000 kWh in meno rispetto a quanto consumano le lampade attualmente installate. Entro il 2022 si proseguirà poi con i rimanenti lampioni. Al momento dell’avvio del servizio di gestione dell’appalto Consip per la pubblica illuminazione comunale il parco impianti era costituito da 5.139 punti luce, composto prevalentemente da lampade a vapori di mercurio (luce bianca) e da lampade a vapori di sodio (luce gialla). La tecnologia a led era praticamente inesistente.

5.610 punti luce

Il parco impiantistico attuale al momento è composto di 5.610 punti luce quindi, dal 2016 ad oggi, vi è stato un incremento del 9%. In questi anni la ditta ha sostituito già le lampade in 11 semafori e in 2.900 lampioni stradali (pari al 52% del totale dei lampioni presenti) inserendo lampade a led, che consentono un notevole risparmio energetico: questo è stato quantificato in 1.432.326 kWh in meno di energia consumata, equivalenti a un risparmio del 55% rispetto a quanto avveniva prima del 2016 e al minor consumo di 268 Tonnellate Equivalenti di Petrolio (Tep). Se si considera che un Tep corrisponde al consumo annuale di energia elettrica in una famiglia media, si comprende la considerevole dimensione del risparmio energetico ottenuto con gli interventi di riqualificazione eseguiti.La nuova tecnologia a led è stata utilizzata anche nei passaggi pedonali di via Roma e di via Risorgimento, in maniera da rendere più visibile alle auto, e quindi maggiormente sicuro l’attraversamento dei pedoni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Illuminazione pubblica, investimento nel Comune dell'hinterland per rinnovare 212 punti luce

PadovaOggi è in caricamento