Riunione del Cosp in Prefettura: «Divieto di consumo di bevande dalle 21 in tutto il territorio comunale»

Comune, prefettura e responsabili delle forze dell'ordine si sono riuniti per discutere la gestione del nuovo Dpcm. Esclusa al momento la chiusura di vie o piazze, si vieta invece il consumo di qualsiasi bevanda per evitare assembramenti incontrollati

Gli assessori Antonio Bressa e Diego Bonavina hanno partecipato alla riunione del Cosp che si è tenuta in Prefettura con i rappresentanti delle forze dell’ordine ed il Prefetto. Si è fatto il punto sul nuovo Dpcm e la sua applicazione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto riguarda la possibilità dell’interdizione delle piazze, non ci sono gli estremi per un intervento. Unica reale novità è l’ordinanza, che verrà discussa anche con le associazioni di categoria, che prevede un divieto di consumo di bevande, non solo alcoliche quindi, in tutto il territoriale comunale dalle ore 21.00. Questo per evitare fenomeni di assembramenti di persone. «Esiste già nel regolamento della Polzia Locale - precisa l’assessore Antonio Bressa - che vieta di consumare alcool se non nell’area dei pubblici esercizi. Ma oggi con la nuova regola del consumo al tavolo, aggiungiamo tutte le altre bevande, dalle 21 in poi, per assicurarci che non si creino situazioni di assembramenti incontrollati. L’abbiamo esteso a tutte le bevande proprio per far si che si seguano le regole anche fuori del raggio d’azione dei pubblici esercizi». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’assessore alla sicurezza, Diego Bonavina, fa intendere che ulteriori chiusure vanno assolutamente evitate e per farlo c’è un solo modo: «I dati sui contagi ci suggeriscono di continuare a far sì che non peggiorino. Dipende molto da noi, rispettare le regole ci permette di evitare nuove chiusure che assolutamente non ci possiamo permettere. Per fare questo, bisogna assolutamente continuare a tenere comportamenti responsabili».  

Schermata 2020-10-21 alle 15.14.29-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Femminicidio nella notte a Cadoneghe: uomo uccide la moglie a coltellate

  • Coronavirus, Zaia: «Ricoveri in ospedale, tutte le province venete in Fase 5 tranne Padova»

  • «Mi sono addormentato a casa della mia ragazza»: multa di 400 euro per il fidanzato ritardatario

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento