menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Salvini a Padova annuncia: “Mercoledì a Roma Zaia firma pre-accordo autonomia Veneto"

Lo annunciano i due leader della Lega al PalaGeox di Padova, dove nella settimana decisiva si giocano la carta dell'autonomia. Zaia: "In Veneto dobbiamo essere il primo partito"

Salvini: “Mercoledì Zaia va a Roma a firmare il preaccordo con lo stato centrale sull’autonomia della regione Veneto, per avere più soldi e più poteri”. Lo aveva da poco annunciato il governatore, lo ha con enfasi ripetuto il candidato premier. E’ un jolly la carta messa sul tavolo, ed è quella dell’autonomia. Una carta che neppure nessun alleato si può giocare.

Niente numeri

Non un clima di euforia però al PalaGeox,  ma piuttosto si respira la tensione di chi ha sì la consapevolezza che il risultato è dietro l’angolo, ma non ne ha però la certezza. E questa tensione mista ad impazienza si respira, si avverte. Per questo si cerca di capire se c’è qualche sondaggio che magari non è stato reso alla stampa, o se ce ne sono di alleati o avversari che possono in qualche modo dare un qualche elemento per cominiciare a immaginare uno scenario. Lo ha quindi ripetuto di nuovo, il segretario provinciale della Lega, Da Re, a chi gli chiedeva se aveva dei dati a disposizione, delle indicazioni o proiezioni, anche fantomatiche. “Nulla di ciò, sondaggi non ce ne sono”. Intanto si aspetta perchè Salvini è in ritardo, come mezza Italia d'altronde.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dalla flat tax alla famiglia

Bitonci è di buon umore, dispensa grandi sorrisi e strette di mano. Non è azzardato dire che quando è stato chiamato sul palco ha ricevuto una ovazione forse più forte degli altri due leader quando è stato il loro momento. La serata era comunque tutta incentrata sui due che hanno parlato per tutti candidati. I temi che hanno messo in campo sono quelli che si conoscono bene: sicurezza, flat tax, immigrazione e rinegoziazione dei trattati a Bruxelles. Toni però più pacati di qualche tempo fa, perché è evidente soprattutto in questi giorni la ricerca del voto cattolico e cosiddetto moderato, anche il più moderato. Anche per questo, “La famiglia la formano un uomo e una donna” o riferimenti all’”incentivare le nascite…” sono concetti che sia Zaia che Salvini hanno ripetuto.

L'autonomia

Ma è l’autonomia la vera carta in più che offrono agli elettori, anche degli alleati più vicini.Salvini assediato dai cronisti rassicura sul fatto che il premier sarà lui perché gli elettori lo premieranno: “Noi rispondiamo alla richiesta di quell’elettorato che si rivolge al centro destra. Tanta gente che magari prima non ci votava oggi ha deciso di farlo. Sono certo che vinceremo. Ho già in testa cosa fare,  e con chi, da lunedì”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Politica

Il neo Presidente Masin: «Natura e turismo, così immagino il Parco Colli. Essere cacciatore non è in antitesi con questo ruolo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento