Venerdì, 23 Luglio 2021
Politica

A San Martino di Lupari gli scolari disegnano la scuola come un sogno

La recinzione del cantiere per la nuova scuola media ecosostenibile diventa vetrina della creatività degli allievi

Sono stati realizzati dagli allievi dell’Istituto comprensivo di San Martino di Lupari i disegni che personalizzano la recinzione del cantiere per la costruzione della nuova scuola secondaria di 1° grado, che avrà la certificazione Leed di sostenibilità ambientale. 

Classi

I disegni degli alunni abbelliranno la recinzione per tutta la durata dei lavori che si concluderanno in due anni circa. «Complimenti ai ragazzi della classe 3B, guidati dal Docente di arte Prof. Giancarlo Negrin, che si sono lasciati ispirati dalla Notte Stellata di Van Gogh, e alle classi 1°D, 2°D, 3°D, 3°A e al loro Docente arte Prof. Silvia Favero, che ha lanciato il tema "Una scuola in movimento”, le parole del Sindaco Corrado Bortot.

Disegni

L’idea di abbellire la recinzione è stata lanciata dall’Amministrazione tramite l’Assessore ai Lavori Pubblici Michela Zanandrea. In questo modo «la recinzione è stata abbellita e personalizzata diventando vetrina della loro creatività, rendendo gli allievi partecipi del progetto in quanto saranno loro i protagonisti di questa nuova opera», sottolinea l’Arch. Zanandrea. In particolare, i ragazzi della 3B hanno immaginato la nuova scuola del futuro «come sogno nel dialogo tra terra e cielo luminoso pulsante di vitalità».

Immaginario

Sono loro ad aver spiegato il significato della loro opera artistica: «La dimensione onirica che fa riferimento al famoso dipinto di Van Gogh è stata sin dall'inizio l'idea che ci ha portati a immaginarla in un'altra veste grafica, trascendente e forse inaspettata, nell'incredulità che si potesse davvero realizzare così bella e avanzata tecnologicamente». Grande creatività è stata dimostrata anche dagli allievi delle classi 1°D, 2°D, 3°D, 3°A che hanno voluto esprimere i valori dell’inclusione, della socializzazione rappresentando una “scuola in movimento” che apre la mente, una scuola che permette di “viaggiare” alla scoperta di nuovi mondi abbattendo le barriere. «Non puoi notare verso nuovi orizzonti finchè non hai il coraggio di perdere di vista la riva», è uno dei messaggi espressi dagli studenti, prendendo in prestito la citazione dello scrittore William Faulkner. Il ringraziamento, da parte dell’Amministrazione Bortot, va anche all’'impresa esecutrice dei lavori Maroso Ivo Enzo, per la stampa dei disegni. 

Una scuola in movimento-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A San Martino di Lupari gli scolari disegnano la scuola come un sogno

PadovaOggi è in caricamento