Scomparsa di Sinigaglia, il cordoglio della politica

Arturo Lorenzoni: «Ci lascia un’eredità preziosa di conoscenza e una grande responsabilità per continuare il suo lavoro». Alessandra Moretti: «Claudio è stato un politico appassionato, competente e onesto. Mancherà a tutti noi»

Claudio Sinigaglia

Si è spento questa mattinata l’ex consigliere regionale ed ex vicesindaco di Padova Claudio Sinigaglia. Aveva 62 anni e da alcune settimane era ricoverato in ospedale per l'aggravarsi di un cancro. Animatore nell’Azione Cattolica fin da giovanissimo, entra in consiglio comunale a Padova nel 1990 per la prima volta, eletto nelle file della DC. Da Zanonato, nella sua prima giunta, riceve la nomina ad assessore allo sport e alla casa. Dopo aver aderito alla Margherita, ritorna in giunta, ancora con Zanonato, nel 2004 stavolta come vicesindaco. Sinigaglia è stato tra i fondatori del Partito Democratico con cui viene eletto per due consiliature consecutive, nel 2010 e nel 2015 in Consiglio regionale dove ha ricoperto il ruolo di vice presidente della V Commissione sanità e membro della VI Commissione cultura, turismo e sport. Lascia la moglie Roberta, sposata nel 1993 e tre figli, Edoardo, Gregorio e Virginia. A loro va il cordoglio e la vicinanza di tutta la comunità del Partito democratico del Veneto. 

Sindaco Giordani

Sentito il ricordo del Sindaco, Sergio Giordani:«La scomparsa di Claudio Sinigaglia è una grave perdita per la città.  E’ stato fin dai tempi della sua prima esperienza nel  Consiglio del “suo” quartiere Brentella, negli anni ’80, l’esempio di un impegno politico genuino e onesto, sempre vicino alle persone, alle loro necessità e ai loro diritti fondamentali.  Molto significativa la sua attenzione per il sociale e le fasce più deboli della popolazione. Negli ultimi anni si è battuto  senza sosta per la salvaguardia e il  miglioramento della sanità regionale ed in particolare per la realizzazione del Nuovo Ospedale di Padova. Claudio amava la nostra città e per Padova non si è mai risparmiato. Ha perseguito sempre il bene comune con passione e ci lascia in dote molti percorsi collettivi, molte opere e tante felici intuizioni di cui tutta la nostra comunità potrà fare tesoro per sempre. Con Claudio ci conoscevamo fin da ragazzi, essendo cresciuti nello stesso quartiere. Oggi perdo un uomo e un amico che ho sempre stimato molto. Provo un dolore profondo e l’unanime cordoglio per la sua prematura scomparsa sottolinea meglio di tante parole il suo spessore umano e politico.  Io e tutta la Giunta siamo vicini alla sua famiglia in questo momento di particolare dolore».

Arturo Lorenzoni

Anche Arturo Lorenzoni ha usato parole molto sentite: «Oggi è mancato Claudio Sinigaglia, una persona che ha dato tantissimo alla nostra città e al Veneto negli ultimi anni. Ho sempre apprezzato il suo impegno e i suoi modi appropriati in ogni occasione, ma è stato negli ultimi tre anni, quando anch’io mi sono impegnato nella politica, che ho potuto veramente conoscere lo spessore di una persona speciale. Mai ha fatto mancare un suo consiglio, un suo garbato suggerimento. Sui temi della sanità regionale è stato un riferimento, lucido e preparatissimo. Ci lascia un’eredità preziosa di conoscenza e una grande responsabilità per continuare il suo lavoro. Mi stringo alla sua famiglia e a tutti coloro che gli hanno voluto bene nella gratitudine e nel ricordo».

Alessandro Bisato

«Un grave lutto per Padova, per il Partito democratico e per tutta la comunità del centrosinistra», afferma il segretario regionale del PD, Alessandro Bisato. «Uomo pacato nei modi, sempre rispettoso degli avversari politici e pronto a collaborare con i colleghi, ma fermo nelle sue convinzioni e determinato nelle battaglie politiche che ha condotto, Claudio è stato per noi un punto di riferimento costante. Preparato come pochi sui temi della sanità, ha contrastato con tenacia lo smantellamento del modello Veneto, eredità di quella Democrazia Cristiana veneta di cui è stato fin da ragazzo un militante brillante, così come ha combattuto fino all'ultimo con dignità la malattia che lo ha portato via».

Alessandra Moretti

«Ricordo con grande stima il collega Claudio Sinigaglia e mi unisco - dichiara  l’eurodeputata Alessandra Moretti -  al dolore della sua famiglia per la sua scomparsa. Claudio è stato un politico appassionato, competente e onesto. Rimangono ancora vive le sue battaglie per il diritto alla salute e per la difesa dei servizi sanitari in favore delle famiglie e dei più fragili. Sempre pronto all’ascolto, Claudio era una persona sensibile e pronta ad aiutare il prossimo con grande generosità. Mancherà a tutti noi».

Vittorio Ivis

Cordoglio è stato espresso anche dal Segretario Provinciale PD di Padova, Vittorio Ivis: «Con profondo dispiacere abbiamo appreso la notizia della scomparsa di Claudio Sinigaglia. Per prima cosa, vogliamo esprimere la sincera vicinanza e il cordoglio di tutta la comunità politica del Partito Democratico di Padova alla sua famiglia. Oggi siamo tutti commossi e addolorati nel ricordarlo, ma questo non ci impedisce di avere la lucidità per sentirci fortunati nell’essere stati testimoni del suo impegno politico e di aver condiviso con lui un pezzo importante di strada. Lo ricorderemo con stima e affetto per la sua tenacia e il suo equilibrio nel perseguire le battaglie politiche in cui credeva assieme al PD. Anche in questi ultimi anni difficili, nei quali la malattia gli ha a volte impedito la partecipazione e la presenza che avrebbe voluto, la sua generosità nel curare la nostra comunità politica non è mai venuta meno. Neanche nei momenti più duri lui ha smesso di essere un riferimento sicuro e riconosciuto, un esempio di pluralismo e di costante ricerca della coesione interna tra sensibilità diverse. Siamo sicuri che fino all’ultimo Claudio ha affrontato con coraggio anche la sfida più difficile. Gli siamo grati per il sostegno e il consiglio che ha rivolto a noi, in qualità di segretari, in questi anni di mandato e come giovani, appartenenti ad una nuova generazione, ci faremo tesoro di quanto ci ha insegnato. In questo ringraziamento siamo sicuri di poterci fare portavoce anche di coloro che, precedendoci negli anni, hanno beneficiato di altrettanta attenzione e leale collaborazione da parte sua». 

Roger De Menech

Messaggio di cordoglio anche da parte del coordinatore dei parlamentari veneti del Partito democratico, Roger De Menech: «La scomparsa di Claudio Sinigaglia lascerà un vuoto in tutti noi. Persona seria e politico preparato ha caratterizzato la sua vita pubblica nelle lotte per il mantenimento del diritto universale alla salute. Tutti noi siamo in debito con Claudio che non ha mai lesinato un consiglio, un approfondimento acuto, anche solo una parola gentile. Grazie di tutto Claudio. Alla moglie e ai figli un caloroso abbraccio».

Alain Luciani e Massimo Bitonci

Non solo i compagni di partito, anche il consigliere comunale leghista, Alain Luciani, ha voluto ricordare Sinigaglia: «Sincere condoglianze alla Famiglia, tutta la città a prescindere dalle idee politiche non potrà non rimanere scossa da questa notizia, una persona per bene con la quale ci si poteva confrontare e dialogare con rispetto, un grande appassionato della politica al servizio dei cittadini. Riposa in Pace Claudio». Il parlamentare ed ex sindaco di Padova, Massimo Bitonci ha invece parlato di lutto per la Regione Veneto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Ricoveri in ospedale, tutte le province venete in Fase 5 tranne Padova»

  • Femminicidio nella notte a Cadoneghe: uomo uccide la moglie a coltellate

  • «Mi sono addormentato a casa della mia ragazza»: multa di 400 euro per il fidanzato ritardatario

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento