Sicurezza, Bitonci incontra nuovo questore: “ 4 cose da fare subito”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

"Nella serata di oggi incontrerò il nuovo questore di Padova, Ignazio Coccia. E' una persona di grande disponibilità e capacità, per la quale il curriculum parla da solo. Gli proporrò 4 cose da fare subito per la nostra città. Una città che i dati descrivono come la capitale veneta dello spaccio, in cui aumentano i reati predatori, contro la proprietà e contro la persona e, notizia di oggi, contro i minori. Il rapimento lampo dell'Arcella ai danni di un bambino cinese è un evento agghiacciante, non fa differenza la nazionalità del piccolo".

Lo dichiara il segretario della sezione cittadina della Lega Nord, senatore Massimo Bitonci, che prosegue: "Al nuovo questore chiederò: un controllo a tappeto dei permessi di soggiorno di quelle decine di ragazzi immigrati, che vediamo bighellonare, in forma e ben vestiti, senza che si capisca quale sia la loro occupazione. Lo sgombero della casa cosiddetta 'dei diritti', occupata da militanti dei centri sociali, dove una cinquantina di rifugiati vive in condizioni indegne. Ispezioni nei locali etnici di tutti i quartieri, dove, a margine di attività legali, spesso se ne svolgono altre, quali spaccio, abusivismo e ricettazione. Infine il controllo dei documenti degli appartenenti alla comunità cinese, che spesso sfruttano omonimie vere o presunte, per nascondere i clandestini. Non vogliamo che Padova diventi una nuova Prato, né che qualche irregolare possa divenire facile bersaglio di criminali di altre nazionalità solo perché ricattabile".

Torna su
PadovaOggi è in caricamento