«Padova è sempre più inchinata alla violenza e al malaffare»: l'attacco di Simone Borile (M5S)

«Non è la Padova in cui sono nato, in cui vivo e lavoro, ma una città artificiale resa tale da decenni di amministrazioni di discutibile passione per essa. Sono convinto che molto si possa fare nonostante questa conduzione "Lorenzoniana" e "Giordanesca"»

Simone Borile

«Non è la Padova in cui sono nato, in cui vivo e lavoro, ma una città artificiale resa tale da decenni di amministrazioni di discutibile passione per essa»: non usa mezzi termini Simone Borile del MoVimento 5 Stelle, candidato al Consiglio della Regione del Veneto, il quale parla apertamente di Padova come «città del Santo e dell’arte, di lavoro e sacrificio sempre più inchinata alla violenza e al malaffare».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Critiche

Incalza Borile: «Si moltiplicano le aggressioni, risse e smercio di droghe, mentre le iniziative comunali appaiono assenti e non incisive con insufficienti controlli della polizia locale (ma non per colpa di quest’ultima, che gode di poca tutela), che consentano a noi cittadini un margine di sicurezza e salute. Accoltellamenti in centro storico nei pressi di Palazzo Moroni, residenza di Giordani e Lorenzoni, paletti divelti e lanciati contro la porta del Duomo, marciapiedi con destinazione d’uso di gratuito orinatoio, abuso notturno d’alcol con bottiglie dall’uso finale di armi, fazioni contrapposte libere di affrontarsi, piazze in via d’estinzione storica a favore di un futuro Ok Corral». Simone Borile, infine, attacca: «È questa la bella Padova promessa da Lorenzoni? È questo il Veneto che vorrebbe Lorenzoni? È questo lo stile di vita a cui ambiscono padovani e veneti? Non credo, amo la mia terra, la mia città ma sono convinto che molto si possa fare nonostante questa conduzione "Lorenzoniana" e "Giordanesca". Non si muti Padova da città frizzante e d’arte in luogo di reclusione a cielo aperto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto tornando a casa, diciottenne Padovano perde la vita

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • Coronavirus, Zaia: «Stiamo iniziando a entrare nel vivo della battaglia»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento