menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giordani: "Con Genova avviato un rapporto di solidarietà". La lunga telefonata con il collega, il sindaco Bucci

Giordani: "I fondi della sottoscrizione saranno impegnati per reperire alloggi da destinare alle persone che loro malgrado hanno dovuto abbandonare improvvisamente le loro abitazioni"

Il Sindaco Sergio Giordani ha contattato più volte in questi giorni il suo collega, Primo Cittadino di Genova, Marco Bucci. Il giorno del crollo del Ponte Morandi solo tramite sms, "non volevo disturbare", ha spiegato Giordani. Successivamente però, soprattutto dopo che l'amministrazione genovese è venuta a conoscenza dell'iniziativa lanciata da Palazzo Moroni , con la sottoscrizione a favore di quei cittadini di Genova che hanno bisogno di aiuto immediato, ci sono state diverse telefonate. Una particolarmente lunga. Ecco cosa ha detto a riguardo il primo cittadino di Padova.

Giordani e Bucci

«Dopo avergli immediatamente dato la piena e sincera solidarietà il giorno stesso del terribile crollo, lunedì 20 agosto ho avuto una cordiale e sentita telefonata col Sindaco di Genova – spiega Sergio Giordani – Ovviamente gli ho testimoniato la vicinanza di tutta la città di Padova dopo il disastro che ha colpito Genova e abbiamo avviato un rapporto di solidarietà che reputo bello e importante. In momenti come questi è sicuramente necessario che chi ha responsabilità o colpe se ne faccia carico fino in fondo, ma è altrettanto doveroso che parta una solidarietà e una vicinanza tra colleghi sindaci e soprattutto tra comunità. Ho ovviamente condiviso con il Sindaco di Genova l'iniziativa che abbiamo subito attivato di aprire un conto corrente dedicato alle vittime di questa tragedia e di questo il Sindaco Bucci ha ringraziato tutta la nostra città per quello che potrà fare. Giustamente chi dona vuole avere la certezza che le risorse vadano a buon esito, ecco perchè insieme abbiamo valutato che non ci sia canale più sicuro di mettere queste risorse direttamente nelle disponibilità dell'amministrazione di Genova nell'apposito fondo creato dalla stessa. In particolare, dopo aver chiesto al Sindaco quali siano le maggiori necessità, abbiamo deciso, stando alle sue indicazioni, che i fondi che giungeranno da Padova saranno impegnati tutti per far fronte all'emergenza dei tanti sfollati che oggi necessitano di una casa. Saranno impegnati quindi per reperire alloggi da destinare alle persone che loro malgrado hanno dovuto abbandonare improvvisamente le loro abitazioni. Lancio un appello a tutti i padovani e a tutte le realtà che lo desiderano: chi può ci dia una mano a mostrare coi fatti il cuore grande della nostra città. Anche un piccolo aiuto diventerà un atto concreto in favore di questi nostri fratelli di Genova».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento