Politica

Studenti UDU: «Esu conferma, 150 posti in meno nelle residenze universitarie»

Durante la seduta del CdA dell'ESU Padova è stato confermato che dal prossimo anno accademico i posti disponibili nelle residenze universitarie passeranno da 750 a 600

Durante la seduta del CdA dell'ESU Padova è stato confermato che dal prossimo anno accademico i posti disponibili nelle residenze universitarie passeranno da 750 a 600. Amaro il commento di Nicolò Silvoni, rappresentante ESU dell'UDU Padova.

Coraggio

«Nulla si è potuto fare per evitare questa decisione, dettata dalle norme di contenimento della diffusione del virus, ma il servizio pubblico di alloggi per universitari era già insufficiente prima della pandemia - ha dichiarato - sarebbe servito più coraggio, fin da subito, investendo nel Diritto allo Studio e nella costruzione di nuovi studentati, sbloccando finalmente, dopo 8 anni, il fondo di investimenti per il diritto allo studio, ma Zaia sembra avere altre priorità per la testa, come la campagna elettorale verso le regionali di settembre».

Residenze

«Le residenze chiudono una dopo l'altra per il loro stato di inagibilità: l'ultima ad aver chiuso le porte agli studenti è stata la residenza Ederle, a causa dei suoi problemi strutturali mai risolti ed aggravatisi con il tempo. Lo scenario si ripete anche sul fronte mense: sono due anni ormai che la mensa San Francesco, punto di riferimento per gli studenti dei poli umanistici e giuridici del centro storico, è chiusa per lavori di ristrutturazione, impedendo agli universitari di fruire di un servizio fondamentale, a cui la sola mensa Piovego non ha potuto sopperire da sola. La soluzione non può essere far stare a casa gli studenti! Siamo stanchi di un Regione che sta riducendo all'osso anche quei pochi servizi essenziali dedicati agli studenti, è il momento di cambiare rotta: noi non ci stiamo».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studenti UDU: «Esu conferma, 150 posti in meno nelle residenze universitarie»

PadovaOggi è in caricamento