Tribano: rotatoria e sottopasso in contemporanea per garantire sicurezza

Depositate le firme raccolte dal comitato “Un sottopasso vale ben più di una vita” per la realizzazione del sottopasso sulla strada Monselice Mare nei pressi dell’incrocio di Tribano

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Il 20 settembre sono state depositate le firme raccolte dal comitato “Un sottopasso vale ben più di una vita” a Regione Veneto, Provincia di Padova, Veneto Strade per la realizzazione del sottopasso sulla strada Monselice Mare nei pressi dell’incrocio del Comune di Tribano.

Ora è solamente prevista una rotatoria carrabile e nessuna sicurezza è garantita ai pedoni e tanto meno ai ciclisti che attraversano la strada regionale. La cosa è tanto più grave se si considera che la strada regionale taglia in due il paese lambendo il centro. Il 26 giugno 2012 il comitato ha incontrato i vertici di Veneto Strade valutando la disponibilità di risolvere concretamente il problema. In agosto si è avuta l’ennesima vittima. Successivamente in data 25 settembre si sono incontrati i responsabili della viabilità e dell’urbanistica della Provincia di Padova. In data 1 ottobre il comitato è stato convocato dal vice prefetto di Padova dottoressa Iacontini Francesca che ha manifestato la sua solidarietà e il suo impegno per la risoluzione del problema.

Ora si chiede concretamente all’Amministrazione Comunale di attivarsi in tempi brevi per inviare il progetto esecutivo del sottopasso che deve essere realizzato in contemporanea alla rotatoria e si chiede agli Enti Regionali e Provinciali di dare una risposta concreta in tempi brevissimi. L’intervento per il sottopasso è quantificabile in circa 400.000 euro ben poca cosa rispetto ai 15.000.000 di euro che Regione e Provincia finanzieranno per la realizzazione della complanare di Monselice e del raccordo stradale, non previsto nel progetto originale, del nuovo Ospedale.

 

Torna su
PadovaOggi è in caricamento