Unesco, De Poli: «Colli Euganei patrimonio di tutti, è miglior biglietto da visita per il Veneto»

Il senatore Udc Antonio De Poli: «I Colli Euganei da oggi rappresentano un nuovo biglietto da visita per il Veneto che consentirà di valorizzare ancora di più il turismo e le eccellenze produttive ed enogastronomiche di un territorio unico in Italia»

Da Abadir, in Marocco, è arrivata la notizia di un nuovo e straordinario riconoscimento per le bellezze del Veneto: il Parco dei Colli Euganei è stato inserito dall’Unesco tra le Riserve della biosfera. E' il terzo sito nella nostra regione, dopo il delta del Po e il Monte Grappa, ad entrare in questa prestigiosa lista.

Il senatore Udc Antonio De Poli, commentando la notizia dell’iscrizione dei Colli Euganei nella lista delle riserve mondiali della biodiversità ha manifestato tutta la soddisfazione che deriva da questo percorso. «Un riconoscimento che premia un territorio, quello del parco regionale dei Colli euganei, di grande interesse ambientale e geologico: oltre 34mila ettari di superficie incastonati tra 15 comuni dove troviamo siti di straordinario interesse archeologico, naturalistico ed etnografico. Borghi, ville, giardini storici e parchi termali immersi tra le nostre splendide colline verdi e circondati dai nostri pregiati vigneti», ha sottolineato il senatore. «Continuiamo a promuovere la sostenibilità ambientale e l’integrazione armoniosa tra uomo e natura: i Colli Euganei da oggi rappresentano un nuovo biglietto da visita per il Veneto che consentirà di valorizzare ancora di più il turismo e le eccellenze produttive ed enogastronomiche di un territorio unico in Italia», ha concluso De Poli.

Video popolari

PadovaOggi è in caricamento