menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid e usura, cresce il rischio per le piccole imprese del commercio e dei servizi di Padova

Per il 34% degli imprenditori del commercio, alloggio e ristorazione è aumentata la pressione della criminalità sulle imprese e per il 12% l’usura è molto o abbastanza diffusa sul proprio territorio

La pandemia ha colpito duramente le imprese del terziario di mercato che stanno vivendo una crisi senza precedenti, la più drammatica dal dopoguerra ad oggi. Imprese, soprattutto quelle più deboli e meno strutturate, che tra i principali problemi indicano la mancanza di liquidità, la perdita di fatturato e le complicazioni burocratiche.

Usura

Ma tra gli effetti del Covid ci sono anche i fenomeni criminali. A questo proposito, l’indagine di Confcommercio rileva la crescita dell’usura (+ 14 punti percentuali rispetto al 2019). A indicarlo è il 27% degli imprenditori del terziario di mercato. E sono circa 40mila le imprese del commercio, alloggio e ristorazione che rischiano di finire nella morsa di questo fenomeno. Dall’analisi realizzata a livello territoriale in alcune grandi città, la situazione appare particolarmente critica al Sud con dati allarmanti per Napoli, Bari e Palermo dove la diffusione dell’usura è decisamente più elevata rispetto alle altre città considerate.

Padova

Dall’indagine emerge che a Padova il 64% delle imprese del commercio, della ricettività e dei pubblici esercizi con meno di 10 addetti ha chiuso il 2020 in perdita o forte perdita, il 50% ha avuto problemi di liquidità e il 16% sta valutando la chiusura definitiva dell’attività. Per il 34% degli imprenditori del commercio, alloggio e ristorazione è aumentata la pressione della criminalità sulle imprese e per il 12% l’usura è molto o abbastanza diffusa sul proprio territorio. Quasi tre imprenditori su quattro consiglierebbero alla vittima di usura di denunciare alle forze dell’ordine e il 16% indicano come riferimento i centri antiusura. Le forze dell’ordine sono ritenute il soggetto più vicino agli imprenditori minacciati (per il 66% degli intervistati), mentre l’11% degli imprenditori si sente solo di fronte alla criminalità.

Indagine

L’indagine è stata condotta da SWG mediante interviste CATI/CAWI somministrate dal 22 gennaio all’8 febbraio 2021 su un campione di 705 imprese del terziario di mercato e con un approfondimento sul tema dell’usura che ha visto il coinvolgimento di 591 imprese del commercio, strutture ricettive e pubblici esercizi con meno di 10 addetti distribuite sull’intero territorio nazionale e di 810 imprese della stessa tipologia distribuite su 9 grandi città (90 per ogni città).

Incontro

Di questi dati ha parlato il Ministro dell'Interno Luciana Lamorgese nell'ambito dell'iniziativa "Legalità mi piace", promossa da Confcommercio e alla quale ha partecipato anche Patrizio Bertin, presidente di Ascom Padova, che ha commentato a margine: «Il raffronto col resto del Paese ci vede in una posizione “non drammatica”, ma questo non significa che l’attenzione non debba essere massima. Già i processi in corso ci dicono che le infiltrazioni di stampo mafioso sono presenti sul nostro territorio ed il Covid, come testimoniano le risposte degli intervistati da Swg, non ha fatto altro che peggiorare una situazione finanziaria difficile. Per questo l’intervento delle banche, oltre che prevedere moratorie sui tempi, non può essere quello del periodo pre-pandemia, così come anche la fiscalità non può essere quella di un periodo normale ma deve poter essere commisurata alle reali difficoltà delle imprese, pena un’uscita delle stesse dal mercato o, una loro caduta nel vortice dell’usura. Sicuramente positiva è la fiducia che gli imprenditori ripongono nelle forze dell’ordine. Un’evidenza che ho voluto sottolineare alla ministra Lamorgese alla quale ho confermato l’ottimo rapporto esistente, a Padova, tra categoria e rappresentanze dello Stato. Ai colleghi, invece, che l’indagine trova piuttosto “freddi” nel rivolgersi alle associazioni di categoria se una persona cara fosse vittima di usura, ricordo, oltre che l’azione del nostro Fidi Impresa e Turismo Veneto, anche la vicinanza che l’Ascom Confcommercio è in grado di dare anche nelle situazioni più difficili».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento