Tribano, il consigliere del Pdl boccia la vendita delle ex scuole di Olmo

Voto contrario del consigliere di opposizione Roberto Bazzarello sul piano delle alienazioni e valorizzazioni al patrimonio comunale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Immagine Comunicato 3

Martedì 8 maggio alle ore 21 si è tenuto il consiglio comunale che riportava tra i punti in oggetto il rendiconto di bilancio, il programma triennale delle opere e in fine il piano delle alienazioni e valorizzazioni al patrimonio comunale. Tale piano prevede tra i punti principali: la trasformazione in commerciale di una parte dell'immobile "ex-scuole elementari" di Tribano e la vendita delle "ex-scuole elementari" della frazione di Olmo.

Immagine Comunicato 2

Il Consigliere di opposizione del PDL Roberto Bazzarello ha dichiarato: "Ho votato contrario al provvedimento perché non sono d'accordo alla vendita di patrimonio immobiliare che per anni ha rappresentato la storia del nostro comune e delle nostre frazioni, mi riferisco in particolare alla scuola di Olmo dove nonostante il fatto che l'amministrazione Argenton avesse promesso nel programma elettorale la sua valorizzazione per svolgervi attività culturali e ricreative oggi è stata inserita nel piano degli immobili che si pensano di vendere. Non è la prima volta che quello che è stato promesso agli elettori non viene mantenuto, vedi ad esempio lo sblocco della caserma dei carabinieri che si è rivelato una storia simile visto che è stato venduto parte del terreno dove doveva sorgervi la caserma e oggi ci ritroviamo senza caserma, senza terreno e probabilmente anche con il mutuo da pagare. Contrario anche alla trasformazione in commerciale delle ex-scuole elementari di Tribano dove l'amministrazione pensa di realizzarvi dei negozi. E' un immobile storico per il nostro comune che dovrebbe essere restaurato e utilizzato magari dalle associazioni che si ritrovano ad avere sedi molto precarie. La mancanza di un piano commerciale a Tribano è ben nota a tutti ma certamente il problema non si risolve con trasformazioni d'uso al patrimonio pubblico ma con un serio intervento che vada a regolamentare le nuove costruzioni per non trovarci ad avere grandi palazzi con piccolissimi negozi e senza parcheggi. Anche questo è stato promesso in campagna elettorale ma rimangono sempre promesse se non gli si da attuazione"
.

 

Torna su
PadovaOggi è in caricamento