rotate-mobile
Venerdì, 23 Febbraio 2024
Politica

Il candidato sindaco Innocenti in volo su Padova: «Aeroporto Allegri spazio da riscoprire»

Lorenzo Innocenti, candidato sindaco per la lista civica TornaPadova, è partito dall’aeroporto Gino Allegri compiendo un "Volo su Padova" dal valore sia simbolico che pratico

Il 12 marzo cadeva l’anniversario della nascita di Gabriele d’Annunzio, la cui impresa più nota è il Volo su Vienna, che partì proprio da Padova il 9 agosto del 1918. Con l’occasione Lorenzo Innocenti, candidato sindaco per la lista civica TornaPadova, è partito dall’aeroporto Gino Allegri compiendo un "Volo su Padova" dal valore sia simbolico che pratico.

Innocenti

Spiega Lorenzo Innocenti: «Con TornaPadova diamo grande importanza alla storia e alle tradizioni della nostra città. Il Volo su Vienna è una pagina centrale nei libri di storia nazionale e parte proprio da Padova. Questo avvenimento è poco conosciuto e valorizzato tra gli stessi padovani, ma a livello turistico sarebbe una carta importante da giocarci: a Due Carrare c’è il Museo dell’Aria ad esempio, con lo stesso aeroplano utilizzato da D’Annunzio nell’impresa. In altre città con molto meno hanno creato flussi turistici rilevanti. E questo per quanto riguarda la Storia, il passato. Poi c’è il presente: siamo partiti dall’Aeroporto Gino Allegri, che è uno spazio importante per la città. Da qui partono i mezzi per l’elisoccorso, che in una città con un ospedale grande e importante come Padova rappresenta un servizio indispensabile. I mezzi di soccorso che partono da qui arrivano a volte fino alla Germania, portando grandi ustionati e bimbi da operare d’urgenza. Questo spazio poi ospita una stazione dei Vigili del Fuoco e una delle scuole di volo più prestigiose d’Italia, da cui escono i piloti dei voli di linea, da Easy Jet a British Airways. È indubbiamente anche questo uno spazio da riscoprire e su cui fare investimenti importanti. Investimenti che premino anche la sicurezza, certo. E poi il futuro: ci piaceva l’idea di vedere Padova dall’alto, di sollevarsi dal polverone quotidiano delle polemiche e dei piccoli litigi della politica e osservare la nostra città da una posizione più elevata. Quello che ci proponiamo con TornaPadova è dare alla città una nuova classe dirigente e per questo serve competenza, serve uno sguardo lungo. Da lassù siamo riusciti a capire il senso stesso di Padova, il potenziale immenso che viene dalla sua posizione geografica strategica: snodo fondamentale tra il Mare Adriatico e il Nord Europa. Dall’alto si vede bene quanto siano vicine Venezia e Verona, ad esempio, città a cui dobbiamo legarci maggiormente, soprattutto a livello infrastrutturale. Un collegamento ferroviario con l’Aeroporto Marco Polo, distante 20 minuti scarsi dalla nostra stazione dei treni, renderebbe quello scalo internazionale l’aeroporto di Padova. E poi i nostri fiumi, per tanto tempo risorsa economica e commerciale, a cui noi vorremmo ridare dignità e rilievo, sia per finalità turistiche che appunto commerciali. Pensiamo ad esempio al vecchio progetto dell’idrovia Padova-Mare. E poi il Santo e l’Università: cuore e cervello di Padova, risorse essenziali a livello sia pratico che identitario. Infine abbiamo visto quanto cemento ci sia sul nostro territorio. Troppo. Con la guerra in Ucraina inizia a mancare il grano per la pasta ed è incredibile che convenga più importarlo dal Canada che produrlo da noi. Dobbiamo far tornare conveniente per gli agricoltori lavorare la terra, dobbiamo sostenere le attività agricole, specie se giovani e innovative e produrre in Italia il nostro fabbisogno alimentare. Per questo serve volontà politica, appunto, visione. Noi riteniamo di avere entrambe».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il candidato sindaco Innocenti in volo su Padova: «Aeroporto Allegri spazio da riscoprire»

PadovaOggi è in caricamento