menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Zaia: «Veneto ha subito uno sputtanamento planetario. Serve una campagna comunicativa forte»

«Non si può vivere di rendita, serve un riposizionarsi sia per quanto riguarda le aziende che per quanto riguarda tutto il comparto turistico»

Conferenza stampa di Luca Zaia dalla sede della Protezione Civile di Mestre: «I nostri territori hanno subito uno sputtanamento planetario. Serve una campagna comunicativa forte. Non si può vivere di rendita, serve un riposizionarsi sia per quanto riguarda le aziende che per quanto riguarda tutto il comparto turistico». Ci va giù pesante Zaia ed è chiara l'intenzione, far capire a tutti che quanto si sta scrivendo sui media mondiali sta danneggiando tantissimo il Veneto. E gli effetti se non si intervenisse prontamente, potrebbero essere devastanti per l'economia della Regione. Per questo, lo ha spiegato Zaia, si sta mettendo a punto un progetto finalizzato proprio a ricostruire e rilanciare l'immagine del territorio. 

Percorso comune

«Il clima è quello di costruire un percorso comune a prescindere dal colore della casacca che si indossa. Spero davvero si riesca a trovare una risposta per tanti lavoratori. Siamo assolutamente collaborativi col governo. 3.6miliardi non bastano, però servono a partire. Per me la zona rossa è il Veneto, non me ne voglia Vo’. Nessuno si deve sentire esente dalla situazione che è venuta a crearsi. E’ la comunità scientifica, se scende in campo in maniera ufficiale, che deve metterci la faccia. A fianco degli amministratori ci devono essere degli esperti che parlano alla comunità». 

DPCM

»Resto convinto, come già detto - ha concluso il governatore - l'altra volta in occasione dello scorso decreto, che si valutino delle misure uniformi in tutto il territorio nazionale. Questo non per mettere in difficoltà le Regioni, ma al contrario per salvaguardare tutti». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento