menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il ministro Flavio Zanonato alla Festa del Pd a Padova (fonte: Futura, Facebook)

Il ministro Flavio Zanonato alla Festa del Pd a Padova (fonte: Futura, Facebook)

Zanonato alla Festa Pd di Padova "Potrei non essere più ministro"

A margine di un dibattito, l'ex sindaco del capoluogo euganeo si dice sereno per il proprio futuro personale in caso di caduta del governo: "Ho due bellissime nipotine e una biblioteca di 8500 volumi da leggere"

Il governo Letta ha le ore contate? Sul fronte strettamente personale non tradisce alcuna preoccupazione il ministro dello Sviluppo economico Flavio Zanonato che, intervenuto mercoledì sera a un dibattito alla festa del Partito Democratico di Padova a cui hanno partecipato anche lo scrittore Mauro Corona e il presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti, si è detto sereno sul proprio futuro.

NIPOTI E LIBRI. "Potrei anche non essere più ministro tra qualche giorno - ha dichiarato a margine della serata - Non mi succederebbe nulla: ho due bellissime nipotine e una biblioteca di 8500 volumi da leggere. Non sono nato ministro, sono diventato tale come poteva diventarlo qualsiasi cittadino. Noi siamo cittadini che cercano di impegnarsi e di mettersi al servizio degli altri".

GOVERNABILITÀ. "Non c'è dubbio che in Italia c'è un problema di stabilità del governo, e senza stabilità non si ha governabilità - ha sottolineato l'ex sindaco di Padova Zanonato - Quando un governo è durato più di mille giorni si è parlato di un enorme successo. Questo è il problema che cerchiamo di affrontare con la riforma istituzionale e costituzionale. Se parliamo di bicameralismo perfetto penso si possano fare delle modifiche. E dobbiamo lavorare per questo".

RENZI. "Da una parte riconosco a Renzi un grande appeal - ha poi commentato il ministro - un entusiasmo e la capacità di portare gente, non sono così ingenuo da non capire l'importanza di questi valori ma non riesco a pensare ad un partito senza una mediazione e solo leader. Ma ci deve essere in mezzo una parte dirigente che costruisce soluzioni e che trova mediazioni e compromessi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento