Salute

Nasce Admo Veneto: l’Associazione donatori di midollo osseo diventa regionale

Ogni anno sono più di 1800 le persone che si ammalano di una malattia del sangue e che, come unica terapia, hanno bisogno di un trapianto di midollo osseo e cellule staminali emopoietiche

Nasce Admo Veneto, l’unione regionale di tutte le associazioni provinciali dei donatori di midollo osseo. La firma è stata ufficializzata martedì 21 settembre nella sede della Provincia di Padova in presenza del presidente dell’amministrazione provinciale Fabio Bui, della presidente di Admo Veneto Mara Rosolen e del presidente di Anci Veneto Mario Conte. Era inoltre presente Giustina De Silvestro, direttore del Servizio Trasfusionale dell’Azienda Ospedaliera di Padova.

Admo Veneto

«Questo passo - spiega Fabio Bui, presidente della Provincia - rappresenta la logica conseguenza di tutto il lavoro che da anni l’associazione sta portando avanti nei nostri Comuni tramite la rete provinciale. Sono molto orgoglioso che questa firma sia stata ufficializzata nella sede della Provincia, casa di tutte le amministrazioni comunali. Ringrazio i vertici di Admo, i volontari e i donatori perché il loro impegno a favore della vita umana e della donazione di midollo ci onora e continua a fare del nostro territorio un’eccellenza nel campo della solidarietà e della sanità. Come Provincia invito tutti i sindaci ad aderire alla campagna di sensibilizzazione anche appendendo al municipio la bellissima opera d’arte appositamente realizzata per l’occasione. L’idea è di coinvolgere in particolare i giovani a donare anche tramite il passaparola perché per il 2021 dobbiamo assolutamente recuperare i numeri persi a causa della pandemia».

Midollo osseo

Ogni anno, infatti, sono più di 1800 le persone che si ammalano di una malattia del sangue e che, come unica terapia, hanno bisogno di un trapianto di midollo osseo e cellule staminali emopoietiche. La compatibilità genetica è di 1 persona su 100.000 e in tutta Italia i donatori disponibili sono poco più di 460.000. Anche per il 2021, dunque, servono donatori. È con questo obiettivo che, dal 18 settembre, è partita la campagna ufficiale di sensibilizzazione alla donazione del midollo “Match it now 2021” che coinvolge tutto il Veneto e si chiuderà il 9 ottobre. Anche quest’anno non si potrà scendere in piazza, ma ci saranno piccoli e grandi eventi nelle province venete. Nel territorio padovano gli open day si terranno nella giornata del 9 ottobre in 4 ospedali diversi: a Padova, a Piove di Sacco, a Schiavonia e a Cittadella, tutti dalle 11 alle 18. Da oggi, quindi, i Comuni potranno prenotare il drappo di “Match it now” realizzato dall’artista padovano del riciclo Giorgio Bellingardo per coinvolgere, anche visivamente, i propri concittadini. Inoltre, grazie all’accordo con Anci Veneto e al progetto “Dono in Comune”, l’appello è stato esteso a livello regionale sia dal presidente di Anci Veneto (già sindaco di Treviso) Mario Conte, sia dall’assessore regionale alla Sanità Manuela Lanzarin. Infine, per unire tutti i pezzi del puzzle, dal 20 settembre è partito da Belluno e girerà per tutto il Veneto anche il freerider professionista delle due ruote “il Brac”, testimonial di Admo. Chi vuole prenotarsi all’edizione “Match it now 2021” veneta e agli open day provinciali deve preiscriversi tramite il sito www.admoveneto.it/iscriviti e scegliere il proprio turno, rispettando la normativa anti-covid.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nasce Admo Veneto: l’Associazione donatori di midollo osseo diventa regionale

PadovaOggi è in caricamento