Strutture sanitarie private accreditate, Anisap: «Basta critiche, offriamo qualità»

L'associazione riunita a Padova ha fatto il punto sulla situazione delle strutture ambulatoriali accreditate al sistema sanitario regionale e puntato il dito contro gli attacchi

Il convegno Anisap

«Siamo orgogliosi di essere privati accreditati. I cittadini ci scelgono perché nostri servizi sono qualitativamente pari ai quelli del servizio pubblico, ma con un’organizzazione più efficiente» ha esordito il presidente Anisap Veneto Trentino Alto
Adige, Giuseppe Caraccio, nel corso della conferenza tenutasi lunedì nella sede del gruppo in via della Croce Rossa a Padova. Presente anche il dottor Marco Dal Brun, delegato per la sanità della Regione Veneto di Confindustria.

Struttura sanitaria privata: quando è convenzionata?

Caraccio ha illustrato la situazione della sezione Anisap, concentrandosi anche sui tagli ai finanziamenti regionali e puntualizzando sui servizi offerti e i rapporti che intercorrono con la sanità pubblica. Fermo anche il respingimento di molte critiche giunte al settore privato. «Una struttura sanitaria privata - spiega Caraccio - è convenzionata (o accreditata) al servizio sanitario regionale quando la Regione verifica il possesso di standard qualitativi, organizzativi e strutturali equiparati al settore pubblico. Il cittadino che vi si rivolge non sostiene quindi costi aggiuntivi rispetto a quelli che sosterrebbe se si in una struttura o con un professionista pubblico».

I numeri in regione

In Veneto Trentino Alto Adige l'Anisap raccoglie 41 società e 92 strutture ambulatoriali che erogano prestazioni di radiologia diagnostica, medicina fisica e riabilitazione, laboratorio analisi, poliambulatorio specialistico e medicina del lavoro. Le strutture occupano circa mille lavoratori con contratto dipendente e collaborano, in libera professione, con altri 1.200 medici specialisti e altre figure professionali sanitarie (tecnici radiologi, fisioterapisti, podologi, terapisti occupazioni, biologi, psicologi, neuropsicologi, infermieri, logopedisti, bioingegneri). Nel 2018 sono state erogate 11 milioni di prestazioni sanitarie di cui 3,6 milioni in convenzione con il servizio sanitario regionale, mentre ogni anno vengono portati avanti importanti investimenti.

«Le critiche sui costi? Infondate»

Il presidente è lapidario nei confronti di alcune critiche pervenute alle strutture private: «Si è parlato del costo di alcune risonanze magnetiche dicendo che alcune strutture offrissero tariffe di 50-60 euro a prestazione senza chiedersi però come si possa offrire un esame a questa cifra. Parliamo di apparecchiature che costa oltre un milione di euro per le quali serve anche una Tac per altri 300mila euro. L’installazione della macchina ha bisogno di una fornitura di energia elettrica di 100 kilowatt oltre a importanti lavori per il posizionamento a cui si aggiungono i costi per il medico radiologo, il tecnico, il personale dell’accoglienza, il costo della struttura, la manutenzione, cd, dotazioni tecnologiche, carta, busta porta referti, costi per l’accreditamento, costi per Inps ed Enpam per i medici» spiega Caraccio «A conti fatti una risonanza costa 150-160 euro e percepiamo, in caso di esame convenzionato, 180 euro per una risonanza magnetica muscolo-scheletrica. Se l'esame costa meno, è perché ci sono altre motivazioni non strettamente economiche».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I sindacati

Dito puntato anche verso i sindacati del settore pubblico: «Vogliamo continuare a lavorare con la Regione Veneto per abbattere le liste d’attesa, ma collaborazione, dignità e rispetto sono essenziali. La Regione ha tagliato i budget passando dai 140 milioni del 2015 ai 106 del 2018. Ed è la Regione a stabilire il numero di prestazioni che il servizio sanitario regionale acquista dai privati accreditati, che non hanno spese aggiuntive sul paziente. Dunque se il paziente è tenuto a pagare il ticket nella struttura pubblica altrettanto dovrà fare nel privato, perciò non si capisce il senso degli attacchi dei sindacati, che sono meramente strumentali» conclude il presidente Anisap.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Focolaio all'asilo notturno del Torresino: 30 positivi al covid su 82 ospiti

  • Occhio al semaforo: attivata la sperimentazione di un nuovo T-Red a Padova

  • Perde il controllo della sua barca dopo un'onda anomala: muore idraulico padovano

  • Focolaio del Torresino: una persona positiva tenta la fuga, le forze dell'ordine lo bloccano (Video)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento