rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Salute

Cambio ai vertici dello Iov, Valentina Guerrieri alla guida dell'unità operativa di Oncologia

Andrà a sostituire Pierfranco Conte, ordinario presso l'Università di Padova e tra i più celebri senologi a livello internazionale, che rimarrà però coordinatore tecnico-scientifico della Rete Oncologica Veneta

Avvicendamento alla guida dell’Oncologia 2 dell’Istituto Oncologico Veneto. Da domani, 1 ottobre, l’Unità operativa complessa sarà diretta da Valentina Guarneri, docente di Oncologia presso l’Università di Padova: classe 1974, laureata in Medicina e specializzata in Oncologia, dal 2013 medico presso lo IOV. Prima di approdare a Padova la Prof.ssa Guarneri ha lavorato a Modena, Reggio Emilia, con un periodo di esperienza in Texas.

La biografia

Coinvolta inizialmente soprattutto in protocolli di ricerca clinica e traslazionale con particolare riferimento alle neoplasie della mammella con l’obiettivo di trovare nuovi approcci terapeutici, alla luce della progressiva trasversalità delle terapie a bersaglio molecolare, la Prof. Guarneri ha poi ampliato il suo campo di ricerca alla patologia polmonare e ovarica, mantenendo l’interesse su ricerca traslazionale e personalizzazione delle terapie. Ha pubblicato più di 60 articoli su riviste peer-reviewed. Ha presentato più di 100 lavori in convegni nazionali e internazionali. È membro del comitato ESMO Young Oncologists e dell'ESMO e-learning and ECM Working Group, e fa parte inoltre del comitato di revisione editoriale di diverse riviste internazionali, tra cui Clinical Cancer Research, Annals of Oncology, The Oncologist e Clinical Breast Cancer.

Arrivederci Conte

Quindi, oggi è l’ultimo giorno di lavoro alla guida dell’Oncologia 2 per il professor Pierfranco Conte, 70 anni, piemontese di Fossano, ordinario di Oncologia presso l'Università di Padova. Tra i più celebri senologi a livello internazionale e una delle “colonne” della sanità veneta in ambito oncologico, il Prof. Conte cessa l’incarico di direttore dell’UOC Oncologia 2 ma rimane coordinatore tecnico-scientifico della Rete Oncologica Veneta (ROV, la cui sede è allo IOV) alla cui costituzione e sviluppo ha dato un contributo fondamentale. Il Professore ha anche accettato la proposta del Direttore Generale dello IOV di proseguire, a titolo gratuito, nell’incarico di Direttore Scientifico facente funzioni dell’Istituto Oncologico Veneto, in attesa dell’ormai prossima nomina ministeriale del titolare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cambio ai vertici dello Iov, Valentina Guerrieri alla guida dell'unità operativa di Oncologia

PadovaOggi è in caricamento