Assessore Elena Donazzan: «Bene la traccia di storia nelle prove di maturità»

Continua l'assessore: «I maturandi del Veneto hanno una marcia in più su Grande Guerra. I maturandi del Veneto hanno trovato un argomento sul quale sono sicuramente preparati, visto il grande lavoro di approfondimento e rilettura storica svolto nelle scuole della regione nell’ultimo trienni»

L'assessore Elena Donazzan

«Apprezzo la marcia indietro del ministero. Eliminare la traccia di storia dai temi della maturità avrebbe significato recidere le radici, legittimare quell’’amnesia collettiva che affligge la società contemporanea. Invece la riflessione richiesta oggi ai ragazzi dell’ultimo anno delle scuole superiori sulla Grande Guerra, in preparazione all’esame di stato, restituisce spessore alla prova scritta, rende merito ai percorsi scolastici svolti e stimola la capacità dei ragazzi di esercitare lo spirito critico».

Simulazione della prima prova scritta

A plaudire la scelta del ministero di proporre il tema di storia tra le simulazioni di prova scritta, in vista dell’ormai prossimo esame di maturità, è l’assessore regionale all’Istruzione e formazione Elena Donazzan. Nella tipologia B della simulazione della prima prova scritta del futuro esame di maturità è stato proposto oggi agli studenti un testo di Paolo Rumiz, “L’eredità del 4 novembre. Cosa resta all’Italia un secolo dopo la vittoria”.

«Far riflettere i ragazzi sul tema della Grande Guerra»

«Apprezzo in particolare che si sia scelto di far riflettere e argomentare i ragazzi sul tema della Grande Guerra e sull’eredità del 4 novembre – aggiunge Donazzan – I maturandi del Veneto hanno trovato un argomento sul quale sono sicuramente preparati, visto il grande lavoro di approfondimento e rilettura storica svolto nelle scuole della regione nell’ultimo triennio, in concomitanza con il centenario del conflitto mondiale. Un evento, lo ricordo, che ha visto il Veneto in prima linea e che ha cambiato per sempre la storia del nostro paese, contribuendo a far nascere l’idea stessa di nazione e di popolo».

Più conoscenza della storia

«Mi auguro che a queste simulazioni sia data continuità e che la storia continui a trovare cittadinanza in quella che è la prova finale di un intero percorso scolastico – conclude Donazzan - Proporre e richiedere più conoscenza e rispetto della storia equivale a dare più forza alla cultura e all’identità anche nei confronti di coloro che, attraverso l’integrazione a scuola e lo studio della storia, possono conoscere il passato, la nazione e il territorio di chi li accoglie e riconoscersi, quindi, in una identità nuova».

Potrebbe interessarti

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

  • Ferragosto da bollino rosso sulle autostrade venete: giorni di traffico intenso

  • Al top in Italia e nel mondo: Università di Padova al 160esimo posto su 20mila atenei valutati

  • Dall'assegno pre-natale agli asili nido gratis: nuova legge quadro per le famiglie in Veneto

I più letti della settimana

  • Terribile frontale auto-moto, gamba amputata per i due centauri padovani: sono in pericolo di vita

  • Decide di farla finita lanciandosi dal terzo piano di un hotel del centro: tragico suicidio a Padova

  • Ferragosto di sangue: lo schianto in autostrada è violentissimo, muore a 22 anni

  • Tentato stupro vicino alla sagra: strattonata e trascinata da due uomini verso un vicolo

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

  • Fermata e soccorsa mentre corre nuda in centro a Padova: «Sono sonnambula»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento