Scuola

Contributo regionale "Buono-libri e contenuti didattici alternativi": le informazioni utili

Viene concesso alle famiglie per la copertura totale o parziale della spesa per l'acquisto dei libri di testo adottati dalle scuole nell'ambito dei programmi di studio; sono esclusi i dizionari. Da quest'anno sono compresi computer, tablet ed e-reader

Il contributo regionale buono-libri, erogato dal Comune con fondi dello Stato, viene concesso alle famiglie per la copertura totale o parziale della spesa per l'acquisto dei libri di testo adottati dalle scuole nell'ambito dei programmi di studio; sono esclusi i dizionari. Da quest'anno sono compresi computer, tablet ed e-reader fino ad un massimo di 100 euro, solo per gli studenti nella fascia dell'obbligo.

IL CONTRIBUTO. Il contributo è rivolto agli studenti residenti nella Regione del Veneto che frequentano, nell'anno 2017/2018, istituzioni scolastiche secondarie di 1° e 2° grado, statali paritarie e non paritarie o istituzioni formative accreditate dalla Regione del Veneto. Ulteriore requisito necessario è che la famiglia dello studente abbia un Isee che rientra in una delle fasce sotto indicate: fascia 1: dal € 0 a € 10.632,94; fascia 2: da € 10.632,95 a € 18.000. Il contributo: per la prima fascia è concesso per l'intera spesa ammissibile e documentata (compatibilmente con le risorse disponibili); per la seconda fascia è una percentuale della spesa ammissibile e documentata e dipende dal numero di domande pervenute e dalle risorse disponibili. 

PRESENTAZIONE DOMANDA: INFO UTILI


La domanda deve essere presentata via web, dal 16 settembre al 16 ottobre 2017, entro le ore 12:00, collegandosi al sito della Regione del Veneto www.regione.veneto.it/istruzione/buonolibriweb, ed entrando nella parte riservata al RICHIEDENTE.  ttenzione: è indispensabile scaricare e leggere attentamente le "Istruzioni per la compilazione della domanda" riportate nella sezione "Documenti" a destra di questa pagina. Chi ha necessità di assistenza per la compilazione della domanda, può rivolgersi gratuitamente ai Caaf convenzionati con il Comune; l'elenco dei Caaf convenzionati è scaricabile dalla sezione "Documenti" a destra di questa pagina. N.B.: il Caaf Cgil sarà operativo a partire dal 05/09/2016. E' indispensabile scaricare, compilare attentamente e presentare al Caaf la "Scheda dati per i Caaf" riportata nella sezione "Documenti" a destra di questa pagina.


Chi non ha la disponibilità di un computer può rivolgersi:

all'Urp della Regione Veneto - corso Milano, 20 - Padova; tel. 049 8778163;
agli internet point privati presenti in città;
alle postazioni pubbliche di accesso internet del Comune di Padova, previa prenotazione telefonica.
Dopo la compilazione della domanda, viene rilasciato un numero identificativo che occorre stampare e conservare.

DOCUMENTAZIONE DA TRASMETTERE, DOPO LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
Dopo la presentazione via web della domanda, il cittadino, deve far pervenire al Comune la documentazione richiesta dalla Regione del Veneto e dal Comune stesso a pena di esclusione:

copia del documento di identità in corso di validità;
copia del numero identificativo della domanda;
documentazione (scontrini, fatture etc) attestante la spesa sostenuta, in originale;
per i cittadini non comunitari, dichiarazione sostituitiva dell'atto di notorietà circa il possesso di titolo di soggiorno valido ed efficace, completa degli elementi indispensabili alla verifica (numero del permesso o della carta di soggiorno, autorità rilasciante, data di rilascio e data di scadenza); la dichiarazione è scaricabile dalla sezione "Documenti" di questa pagina.   
La documentazione può essere inviata/consegnata al Comune di residenza dello studente:

con raccomandata, all'indirizzo Comune di Padova Settore Servizi Scolastici, Ufficio Postale Padova Centro - casella postale aperta - 35122 Padova;
a mano presso le sedi di Quartiere (da lunedì a venerdì);
presso l'Urp dei Servizi Scolastici, via Raggio di Sole, 2, negli orari di apertura.
N.B.: chi ha già consegnato la documentazione al Caaf, non dovrà portarla anche al Comune.

Controlli

Sui dati dichiarati nella domanda e nell'attestazione Isee verranno effettuati controlli a campione; i controlli si ripeteranno anche per i casi dubbi, come previsto dal DPR 445/2000. Se, a seguito del controllo, l'ufficio accerta che le dichiarazioni rese non sono veritiere, l'utente perde il diritto al contributo e potrà essere perseguito penalmente (artt. 640 bis e 479 del Codice penale). 

Pagamento del contributo

Il contributo verrà riconosciuto prioritariamente alle domande con Isee fino a € 10.632,94 (fascia 1), coprendo il 100% della spesa, compatibilmente con le risorse disponibili. Nel caso avanzino risorse, potranno essere prese in considerazione le domande in fascia 2, in base alla proporzione fra la spesa complessiva dei richiedenti e le risorse disponibili.
Il contributo sarà pagato dai Comuni, presumibilmente nell'anno 2017, dopo aver ricevuto dallo Stato e dalla Regione le risorse necessarie. 

Riferimenti
Ufficio diritto allo studio - Settore Servizi Scolastici - Comune di Padova

Luogo via Raggio di Sole, 2 - 35137 Padova
Telefono 049 8204023 - 049 8204005
Fax 049 8207120
Orario Orario Urp del settore Servizi Scolastici: lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì 8:30 - 13:00; martedì e giovedì 15:00 - 17:00
Email rodighierol@comune.padova.it
Responsabile del procedimento dott.ssa Laura Rodighiero; delegate: Ombretta Cariali, Simona Varotto

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contributo regionale "Buono-libri e contenuti didattici alternativi": le informazioni utili

PadovaOggi è in caricamento