rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023
social

Violenza sulle donne, i pubblici esercizi padovani diventano presidi di sicurezza

«I pubblici esercizi - afferma Segato, segretario Appe - sono per loro natura dei luoghi dove è più facile esporre le proprie difficoltà, affidarsi agli altri per avere sostegno e sono anche le uniche luci accese, in orario serale e notturno, a tutela e garanzia dei consumatori»

“Attacca la violenza. Non sei più sola”: è la frase - seguita dal numero del centro antiviolenza, l’800 81 46 81 - scritta sull’adesivo che Appe invita a ritirare presso la sede dell’Associazione provinciale pubblici esercizi ed esporre nei servizi igienici riservati alle donne dei locali padovani.

Violenza sulle donne

Una semplice azione che potrebbe portare ad un primo passo verso la richiesta di aiuto, richiesta che avverrà con riservatezza e discrezione nei confronti delle donne. «Un piccolo gesto che a noi non costa nulla, ma che potrebbe significare tanto per alcune donne vittime di violenza» afferma il Segretario APPE Filippo Segato. «Per questo - prosegue - invitiamo tutti gli esercenti a ritirare presso la nostra Associazione gli adesivi: cerchiamo di contrastare la violenza anche con queste piccole azioni». L’Associazione dei pubblici esercizi si era già resa protagonista in passato di iniziative legate al contrasto alla violenza di genere: nel settembre 2021 aveva infatti presentato l’iniziativa, realizzata in collaborazione con la Questura di Padova, denominata #Sicurezzavera, che ha l’obiettivo di far diventare i pubblici esercizi dei veri e propri centri di ascolto e sicurezza per le tante donne vittime di violenza. «I pubblici esercizi - conferma Segato - sono per loro natura dei luoghi dove è più facile esporre le proprie difficoltà, affidarsi agli altri per avere sostegno e, non bisogna dimenticarlo, sono anche le uniche luci accese, in orario serale e notturno, a tutela e garanzia dei consumatori».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza sulle donne, i pubblici esercizi padovani diventano presidi di sicurezza

PadovaOggi è in caricamento