Da Galileo a Mantegna fino a Napoleone: tutti gli autografi custoditi all'Archivio di Stato di Padova

Questi sono solo alcuni esempi dei documenti che fanno parte della serie conservata presso l’istituto padovano

Nell'Archivio di Stato di Padova, come in altri istituti, esiste infatti una serie denominata Autografi, figlia di quella tendenza alla celebrazione, esasperata tra Otto e Novecento, che portava a estrapolare dal suo contesto archivistico, per l'esposizione permanente, l'esemplare scritto da un personaggio famoso: Galileo, Mantegna, Napoleone, re Vittorio Emanuele II, l’imperatore Enrico IV (quello che “andò a Canossa”) sono solo alcuni esempi dei documenti che fanno parte della serie conservata presso l’istituto padovano.

La serie autonoma degli Autografi

Tali documenti, al tempo, facevano infatti parte di sequenza espositiva presso il Museo civico di Padova, in piazza del Santo, che allora conservava la documentazione ora presso l’Archivio di Stato: una volta rimossi dalle vetrine, quasi nessuno di questi pezzi tornò alla propria posizione d'archivio originaria, andando piuttosto a costituire la serie autonoma degli Autografi; la buona prassi d'archivio, tuttavia, ha garantito la trascrizione su ogni camicia esterna della segnatura originale, che consente di ricondurre il documento al fondo di appartenenza senza perdere traccia del vincolo archivistico.

Elenco dei documenti esposti:

  1. L'autografo dubbio. La sottoscrizione dell'imperatore Enrico IV (1090)
  2. Il segno autografo del pontefice: Callisto II (1123)
  3. Originale ... ma non autografa: la mano creduta di Cangrande della Scala (1329)
  4. Andrea Mantegna: il contratto autografo per il polittico di S. Luca (1453)
  5. Un protagonista del Rinascimento: Girolamo Romanino (1513)
  6. L'autografo del Veronese e l'enigma della pala sconosciuta (1575)
  7. La mano di colui che «molta via de’ cieli svelò»: Galileo Galilei (1610)
  8. L'autografo di Palma il Giovane (1618)
  9. La sottoscrizione di Napoleone Bonaparte (1812)
  10. L'esploratore: l'autografo di Giovanni Battista Belzoni (1819)
  11. L'autografo dell'ultimo duca di Lucca, Carlo Ludovico di Borbone (1846)
  12. La firma dell'ultimo duca di Modena, Francesco V di Austria-Este (1855)
  13. L'autografo del primo re d'Italia: Vittorio Emanuele II (1876)

Info web

https://www.aspd.beniculturali.it/

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

https://www.facebook.com/ASPadova

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Coronavirus, Zaia: «Ho l'impressione che questo Dpcm sia solo un "riscaldamento a bordo campo"»

  • Incidente a Legnaro, investito un pedone sulle strisce: portato in ospedale con codice rosso

  • Coronavirus, Zaia: «La situazione di oggi è sopportabile, quella di domani non lo so»

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e nel Veneto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento