Dopo “Torneremo”, la canzone del lockdown, Angelica Gobbo e Diego Turatto tornano con “Buon Natale”

Dopo “Torneremo” (la canzone del lockdown), Angelica e Diego tornano con una nuova canzone

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I padovani Diego Turatto e la piccola Angelica Gobbo tornano a cantare insieme per un Natale che sarà molto diverso dagli altri.  “Torneremo”, canzone prodotta durante il primo lockdown, aveva ottenuto 200mila visualizzazioni su Facebook, era stata condivisa dal Presidente della Regione Luca Zaia e utilizzata come colonna sonora nel cortometraggio “I bambini di Vò” presentato a margine della 77esima Mostra del cinema di Venezia.

La canzone del Natale

Ora Angelica e Diego, insieme al chitarrista Filippo Naso, alla violinista Serena Zucco, alle coriste Elena Contin e Alessia Motta e al direttore artistico Sergio Gobbo, hanno deciso di cantare in occasione del Natale.

Natale 2020, le migliori offerte

«Tralasciare il superfluo»

«Dopo un periodo di circa dieci mesi di convivenza con il Covid che ha completamente cambiato le vite e le abitudini delle persone – spiega Diego - ci si appresta a vivere il periodo di festività che sta arrivando. Per molti, non sarà il solito Natale! Alcuni hanno perso i loro cari a causa di questo virus insidioso, altri il lavoro o temono di perderlo a causa della situazione economica difficile che il Paese sta affrontando. Il sentimento comune è la preoccupazione del domani. La canzone “Buon Natale”(video diretto dal regista James Dawson), vuole essere un lieto messaggio di auguri per chi ricerca la propria serenità affidandosi alla famiglia, all’amicizia, alla solidarietà tra le persone e a quelli che sono i veri valori della vita, tralasciando tutto il resto in quanto superfluo».

Potrebbe Interessarti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento