rotate-mobile
social

E-sports, la cantera del Calcio Padova si allarga: ecco i nuovi membri della squadra digitale

I ragazzi, tutti padovani dai 18 ai 31 anni, hanno superato la selezione organizzata nel centro commerciale da WeArena per integrare la squadra digitale biancoscudata. Quasi mille free player durante la settimana

Si sono iscritti in 64, al torneo finale sono arrivati in 33, e fra essi 9, tutti padovani dai 18 ai 31 anni residenti in città e in provincia dalle Terme alla Saccisica, sono stati selezionati per entrare nella cantera Esport del Calcio Padova, il gruppo di giocatori che affiancheranno Roberto Curci e Pierluigi Tiralongo, primi componenti della squadra digitale biancoscudata e ora capitani e mentori di questi ragazzi.

Esport

È stata presentata ufficialmente la cantera uscita dalla settimana di selezioni che si è tenuta al centro commerciale Le Brentelle di Rubano, in un evento dal grande successo di pubblico: nell'arco della settimana quasi mille, infatti, sono stati i free player di tutte le età, bambini e bambine, ragazzi e ragazze e adulti, che si sono avvicendati alle postazioni di gaming dell'arena tecnologica allestita nel centro commerciale da WeArena Entertainment S.p.A. I nove ragazzi che da ieri sono entrati nella cantera Esport Calcio Padova hanno convinto i selezionatori di WeArena (partner del Calcio Padova per lo sviluppo del settore Esport) non tanto per i risultati nelle sfide a EA Sports FIFA 22 affrontate durante la settimana e al torneo finale di sabato 30 luglio, ma per come si sono contraddistinti per capacità di gioco, fair play e capacità comunicative, queste ultime fondamentali per essere un player pro di successo. Chiamati a uno a uno sul palco, in diretta sul canale Twitch di WeArena, i ragazzi hanno scoperto in tempo reale di aver centrato l'obiettivo di entrare in cantera, tutti mostrando una grandissima emozione alla consegna della maglia coi colori biancoscudati. Carichi ed entusiasti si sono detti Roberto Curci e Pierluigi Tiralongo, che per tutta la settimana sono stati presenti a Le Brentelle per seguire le selezioni: «Siamo rimasti molto colpiti dalla sportività e dalla fratellanza nascere fra i ragazzi in questi giorni, quasi fossero già una squadra ancor prima di entrarci per davvero. Abbiamo di fronte un bel gruppo con cui non vediamo l'ora di lavorare da settembre per farlo crescere: per molti di loro questa settimana è stata anche l'occasione di realizzare che l'Esport non è solo saper giocare a un videogioco, ma richiede un grande impegno mentale e capacità di reggere alla pressione, oltre che doti comunicative». Dai due capitani biancoscudati è arrivato, poi, un messaggio diretto ai nove selezionati: «Quella che adesso indossate è una maglia che si compra anche in negozio, ma chi la indossa per merito deve essere bravo a portarla e onorarla perché non rappresenta se stesso, ma la società calcistica e tutto ciò che essa significa».

I selezionati

Ecco, quindi, i nove selezionati (in ordine alfabetico) a Le Brentelle e di dove sono: Giacomo Crivellaro (25 anni, Albignasego), Giovanni Daniele (24 anni, Padova), Simone De Lazzari (18 anni, Codevigo), Alex Gallo (19 anni, Padova), Alessio Gianfreda (31 anni, Padova), Davide Griggio (23 anni, Vigonovo), Luigi Manco (24 anni, Albignasego), Luca Masiero (22 anni, Limena), Jacopo Tommasi (28 anni, Abano Terme). La cantera Esport Calcio Padova è completata da altri quattro giocatori, che hanno superato delle precedenti selezioni tenute da WeArena in tarda primavera: Enrico Milan (Maserà di Padova), Luca Navuzzi (34 anni, Curtarolo), Alberto Ramazzina (Stanghella), Massimiliano Tommasi (24 anni, Abano Terme).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E-sports, la cantera del Calcio Padova si allarga: ecco i nuovi membri della squadra digitale

PadovaOggi è in caricamento