Il maxi-Tricolore, ma non solo: la solidarietà di Birra Peroni arriva anche a Padova

Agevolazioni per Comuni, bar, ristoranti e pub e aumento della retribuzione anche per gli operai dello stabilimento di via Prima Strada

Il maxi-Tricolore sulla facciata dello stabilimento Peroni a Padova

Anche lo stabilimento Birra Peroni di Padova si unisce alle tante istituzioni che in tutta Italia accendono i palazzi con il Tricolore - da Palazzo Chigi e Palazzo Madama, alle università e ai monumenti storici - per dare un forte segnale di unità nazionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tricolore

Ogni sera, infatti all’imbrunire grazie a un sapiente gioco di luci la bandiera tricolore campeggia sullo storico stabilimento in via Prima Strada: una scelta simbolica che vuole infondere un segnale di fiducia, coraggio e vicinanza alla comunità. E in questo momento di emergenza l’azienda ha deciso di lanciare una serie di iniziative (legate dall'hashtag #BirraPeroniChiAmalItalia) a sostegno delle proprie persone e della rete commerciale e che ricadranno anche sulla città di Padova. Al fine di sostenere i distributori del canale Ho.Re.Ca. - maggiormente colpiti dalla chiusura di bar, ristoranti, pub e strutture ricettive - Birra Peroni ha deciso di mettere in campo delle misure, per un valore totale di 20 milioni di euro, per aiutare concretamente i suoi clienti in questo momento di emergenza. In particolare, sono state attivate delle agevolazioni al credito commerciale che permetteranno di dilazionare i pagamenti di 60 giorni rispetto alla naturale scadenza.

Cassa integrazione, ma non solo

Per continuare a garantire potere d’acquisto ai dipendenti, Birra Peroni ha anche avviato una procedura di cassa integrazione ordinaria Covid-19 prevista dal decreto legge “Cura Italia” e ha deciso, in accordo con le sigle sindacali, di integrare al 100% la retribuzione di coloro che saranno collocati in cassa integrazione. Inoltre, per supportare coloro che negli stabilimenti sono in prima linea e continuano a lavorare quotidianamente con determinazione e senso di responsabilità, è stato previsto un premio pari al 15% della retribuzione media mensile lorda. Tali misure eccezionali avranno la durata di 9 settimane pari al periodo della procedura di cassa integrazione.

Solidarietà

Lo scorso sabato 4 aprile, poi, Peroni ha lanciato un grandissimo evento virtuale che ha coinvolto tutta l’Italia: si tratta di #sTappiamociacasa, un aperitivo social organizzato per sostenere le famiglie più bisognose in questo momento così difficile per il Paese e per il mondo intero. Per ogni partecipante collegato allo streaming, Birra Peroni ha donato il valore simbolico di una birra per una somma totale di 100mila euro da devolvere all’Associazione Nazionale Comuni Italiani per l’Emergenza Alimentare. Nastro Azzurro, infine, ha lanciato una straordinaria campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi per sostenere, appena sarà possibile, la ripresa delle piccole e medie imprese italiane della ristorazione, particolarmente danneggiate da questo momento storico di emergenza sanitaria, dando il via a uno speciale crowdfunding per la raccolta di un fondo straordinario a supporto della ripartenza di locali e pizzerie con un contributo inziale da parte del brand di 250.000 euro e raddoppiando le donazioni delle persone. Per uscire più forti dalla crisi, gli Italiani potranno dimostrare il loro sostegno aderendo all’appello di Nastro Azzurro: «Offri #unabirraperdomani per supportare chi ieri te ne ha servita una. Ripartiamo insieme allo staff di tutti i locali d’Italia». Sulla pagina Facebook "Birra Peroni ChiAma l’Italia" e su tutti gli altri canali social di Birra Peroni su LinkedIn, Twitter e YouTube sarà possibile rimanere aggiornati sulle iniziative dell’azienda.

Padova

L’azienda è presente a Padova con il proprio stabilimento produttivo dal 1973. Il sito di Via Prima Strada è centrale per l’export e per le strategie di internazionalizzazione del Gruppo. Il 61% della produzione è destinata, infatti, proprio ai mercati esteri, una percentuale trainata da Nastro Azzurro, la premium italiana più bevuta e venduta al mondo. Inoltre lo stabilimento è l’unico hub europeo per la produzione della Asahi Super Dry.

Peroni Tricolore 2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Mi sono addormentato a casa della mia ragazza»: multa di 400 euro per il fidanzato ritardatario

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Perde il controllo della bicicletta e viene travolto da un'auto: morto ciclista padovano

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Incendio in un'abitazione a Padova: residente in ospedale con ustioni e problemi respiratori

Torna su
PadovaOggi è in caricamento