rotate-mobile
Venerdì, 1 Luglio 2022
social Rovolon / Via Frassanelle, 14

Daniele Zovi, scrittore e divulgatore, si aggiudica il premio Crédit Agricole FriulAdria – Parco Colli Euganei 2022

Tra le motivazioni anche "la sua determinazione, da esperto naturalista, nel rivelarci attraverso le sue opere, il costante intreccio di clima, paesaggio, animali e piante che costituisce la vita misteriosa del bosco". Il premio verrà consegnato al Parco di Villa Papafava Frassanelle a Rovolon mercoledì 22 giugno

È il Parco di Villa Papafava Frassanelle a Rovolon (PD) la suggestiva scenografia nella quale mercoledì 22 giugno alle ore 21 verrà consegnato il “Premio Crédit Agricole FriulAdria – Parco Colli Euganei 2022”. In questa edizione il riconoscimento andrà a Daniele Zovi, scrittore e divulgatore vicentino, grande studioso ed esperto di foreste e di animali selvatici.

Sostenibilità ambientale

L’appuntamento con il Premio, giunto al settimo anno, consolida la collaborazione tra Euganea Movie Movement, associazione promotrice di Euganea Film Festival, e la Banca che in territorio veneto sta diventando sempre più un punto di riferimento non solo per l’economia ma anche per la società e la cultura locale. Anche quest’anno Crédit Agricole FriulAdria ha scelto di sostenere Euganea Film Festival riconoscendo all’iniziativa la capacità di trattare il complesso tema della sostenibilità ambientale attraverso l’arte e il rinnovato impegno nell’organizzare una manifestazione “Climate Positive”: grazie al supporto dell’Istituto di credito, il Festival permetterà, infatti, di generare impatti positivi nel territorio grazie ai progetti di miglioramento ambientale della piattaforma WOWnature, creata da Etifor, spin-off dell’Università di Padova. In concreto, per effetto della piantumazione di nuovi alberi nell’ambito del Parco Fiume Brenta, lungo una fascia boschiva che va da Padova a Vicenza, verrà catturata più CO2 di quella teoricamente emessa dal Festival.

Le motivazioni del premio

Nelle motivazioni ufficiali del Premio si riconosce a Zovi “la sua determinazione, da esperto naturalista, nel rivelarci attraverso le sue opere, il costante intreccio di clima, paesaggio, animali e piante che costituisce la vita misteriosa del bosco e nella sua volontà di diffondere trasversalmente il suo sapere dedicando alcuni dei suoi scritti ai bambini, affinché anche i più giovani possano avvicinarsi ai segreti e alla vita del mondo naturale e imparare a rispettarlo”.

L'evento

Dopo la consegna del Premio, Zovi interverrà sul tema della salvaguardia ambientale in Veneto. Seguirà la proiezione del documentario Taming the Garden di Salomè Jashi, un’ode poetica alla rivalità tra uomini e natura che tratta il drammatico fenomeno del disboscamento.

Daniele Zovi

Nato a Vicenza nel 1952, Daniele Zovi dopo la laurea in Scienze forestali conseguita all’Università di Padova entra nel Corpo Forestale dello Stato ricoprendo diverse funzioni sino alla nomina di Comandante interregionale di Veneto, FVG e Trentino-Alto Adige. Nel 2017 va in pensione come generale di brigata dell’Arma dei Carabinieri.

Dal 2011 al 2014 è membro della Commissione scientifica CITES presso il Ministero dell’Ambiente.
Ha tenuto conferenze su temi ecologici in molte scuole e università, al Museo Zoologico di Roma, al Museo di Storia Naturale di Venezia, al Museo di Storia Naturale di Calci (Università di Pisa) e all’Expo di Milano. Ha pubblicato libri e numerosi articoli su riviste scientifiche realizzando alcuni documentari storico-naturalistici. Nel maggio 2021 vince la sezione “Ricerca e ambiente” del prestigioso “Premio Itas Libro di montagna” con il libro Autobiografia della neve.

Foto articolo da comunicato stampa - Daniele Zovi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Daniele Zovi, scrittore e divulgatore, si aggiudica il premio Crédit Agricole FriulAdria – Parco Colli Euganei 2022

PadovaOggi è in caricamento