rotate-mobile
social Agna

Bianca Campaci, nata ad Agna, la vita le ha riservato molte sorprese, ma ora soffia cento candeline

Un giorno di festa alla casa di riposo di Asiago

Un gran sorriso e la coroncina in testa, mentre taglia fette di tiramisù per i tanti invitati alla sua festa nel giardino della casa di riposo di Asiago. Un compleanno del tutto degno di nota quello della signora Filomena Campaci, detta Bianca, che ha appena raggiunto l’invidiabile traguardo di cento anni.

La celebrazione

Per l'occasione, erano presenti i residenti e il personale della struttura, la vice presidente dell’istituto Gianna Maria Ceoloni, i nipoti Giusi, Roberto e Mario e una rappresentanza del comune di Asiago: l’assessora alle Politiche Sociali Monica Gios e l’assistente sociale Giuseppe Buda. Tutti a celebrare una vita lunga, che ha attraversato sia i momenti gioiosi che quelli più bui della storia del nostro territorio, incrociandoli con la propria e unica parabola esistenziale.

La storia

Nata ad Agna, nella bassa padovana, nel lontano 1922, Bianca era la penultima di cinque fratelli e l’unica femmina. Il padre Giuseppe faceva il minatore in Germania, mentre la madre Adele Forin era casalinga. Già da bambina è nato il in lei il desiderio di dedicare la sua vita a Dio e infatti, appena compiuti 18 anni, entrava in convento come novizia dalle suore Dorotee a Venezia. Purtroppo una grave malattia agli occhi e le continue cure richieste le hanno impedito di prendere i voti e l’hanno condotta sulla via di Asiago, dove fino alla mirabile età di 85 anni ha vissuto con le suore canossiane come suora laica.

La decisione

Vista la salute fatta via via più fragile, la signora Bianca si è poi trasferita accanto alla nipote Giuseppina, che assieme al fratello Roberto si è presa cura di lei fino all’età di 96 anni. Da quel momento, in seguito anche a un ricovero in ospedale, ha deciso di vivere alla casa di riposo di Asiago che l’ha accolta a braccia aperte fino a questo speciale compleanno.

Un compleanno speciale

«Non potevamo non rendere omaggio alla signora Bianca, la cui storia di vita è un importante bagaglio culturale per la nostra comunità – la nota del presidente e della direttrice della Casa di Riposo di Asiago, Carlo Arduini e Tania Santi – Siamo contenti che in tanti, tra amici, personale e autorità comunali, abbiano preso parte ai festeggiamenti di questo importante traguardo e di aver reso ancora più felice e speciale il compleanno della signora Bianca».

Articolo e foto da VicenzaToday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bianca Campaci, nata ad Agna, la vita le ha riservato molte sorprese, ma ora soffia cento candeline

PadovaOggi è in caricamento