Esplosione di gioia per la “Stick Bomb” italiana da Guinness

Lo scorso 24 maggio a Vigodarzere con l'esplosione ininterrotta di 13.274 stecchette abbassalingua è stato polverizzato il Guinness World Record giapponese di 9.911. Si attende la certificazione dall'ente londinese

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Il pubblico accorso a incoraggiare la squadra del "Record a Vigodarzere" e che affolla gli spalti del Palacertosa, accompagna in un boato crescente i tre minuti impiegati da 13.274 stecchette abbassalingua di legno per esplodere una dopo l'altra. Un grido liberatorio sottolinea poi l'entrata a canestro del pallone che chiude questo dominotricolore di iniziali 18.105 stecchette lungo 540 metri e disposto in 18 file, 17 curve e una salita di 8 metri.

Non tutto infatti è filato liscio al primo colpo. La corsa dell'onda in cui si sollevano periodicamente le stecchette incastrate tra loro secondo la tecnica di posa scelta per l'occasione e detta appunto COBRA WAVE, si è arrestata per ben due volte a causa di un effetto imprevisto del colore rosso sulle stecchette di legno, che le ha rese anaelastiche.

Per permettere ai giudici di certificare la vittoria si decide di togliere dal campo di gara tutte le stecchette invalidate dall'inceppamento e sostituire quelle rosse con delle neutre. I posatori si danno alla conta e alla posa: si può procedere ad un terzo tentativo perché il numero di bastoncini rimasti a terra è ampiamente superiore a quello del record giapponese del 2012. E la corsa ricomincia. Ininterrotta questa volta.

Alla fine i due giudici di gara, l'ing. Norberto Marcassoli di Stima srl e il prof.Alberto Schiavinato, cosiccome il notaio Dott.ssa Marina Carletta - visibilmente commossa - certificano che 13.274 sticks sono esplose consecutivamente e la sfida al Guinness World Record nella categoria Largest Stick Bomb, detenuto dalla Megahouse Corporation di Tokyo con 9911 stecchette consecutive, può dirsi virtualmente vinta.

Per i cittadini di Vigodarzere l'attesa conferma del record da parte dellla commissione Guinness World Records non sarà che la ciliegina sulla torta. Gli obiettivi fondamentali che hanno animato questo tentativo sono già centrati: aver aggregato adulti e bambini intorno a un progetto ambizioso ma divertente, che ha impegnato mani, schiena, ginocchia, tanta pazienza e attenzione ed aver raccolto quasi 400 Euro in donazioni per aiutare le scuole del territorio comunale a rinnovare l'attrezzatrura sportiva.

I promotori dell'iniziativa, la società sportiva Pallacanestro Vigodarzere e Cesare Burei alla guida del team "Record a Vigodarzere", ringraziano quanti hanno contribuito all'organizzazione e alla realizzazione dell'iniziativa: i 75 posatori donne, uomini e bambini di Vigodarzere che si sono esercitati a casa ed hanno preso parte a ben tre serate di prova, gli alunni delle scuole materne ed elementari per aver colorato i bastoncini con zelo, il pubblico generoso nell'offerta libera e poi diverse realtà commerciali del territorio: Alì&Alìper, TRE, Margas srl, Tuttocompressori, Rosanna Corredi, Cartoleria-Giocattoli Bottega Creativa, Ludoteca Fate e Folletti e Mobilificio Nalon che hanno a vario titolo facilitato la realizzazione.

Cosa sono le STICK BOMBS

E' un gioco di strada fatto con mezzi poveri la cui origine si perde in Cina nell'antichità. Certamente rimerge negli Stati Uniti negli anni '50. Si tratta di realizzare un domino di stecchette di legno incastrate tra loro. Gli appassionati ne aumentano nel tempo la complessità: dalla composizione lineare a quella in 3D introducendo il colore per un maggiore effetto nella fase di "esplosione". Oggi si parla anche di ARTE CINETICA ed uno dei suoi "guru" è Tim Fort che ha seguito passo passo il progetto di Vigodarzere dal lontano Minnesota (USA).

Le riprese dell'impresa su https://www.youtube.com/watch?v=nGAhGFD0uNI

Facebook e YouTube: "Record A Vigodarzere"

Per info: recordavigodarzere@gmail.com

I più letti
Torna su
PadovaOggi è in caricamento