Domenica, 13 Giugno 2021
social Piazze / Via Carlo Cassan, 17

Stop ai pregiudizi di genere: gli studenti del Meucci di Cittadella premiati al concorso di corti “La parità per crescere”

Il 9 giugno, alle 20.15 all’auditorium Pollini in programma l’evento conclusivo della campagna educativa sulla parità di genere. A ritirare il “premio del pubblico” saranno gli studenti dell’istituto Meucci di Cittadella per il cortometraggio “Donna” che ha ottenuto il maggior numero di visualizzazioni sul canale Youtube del Rotary Padova

Si svolgerà mercoledì 9 giugno, alle ore 20.15 all’auditorium Pollini di Padova (via Cassan 17) l’evento conclusivo del progetto “La parità per crescere”, la campagna educativa sulla parità di genere promossa da Rotary club Padova, il contributo della Provincia di Padova, dei Rotary club Abano Montegrotto, Camposampiero, Cittadella Alta Padovana, Padova Est, Padova Nord, la collaborazione dell’Ufficio scolastico territoriale di Padova, il patrocinio del Comune di Padova e Università degli Studi di Padova, il coinvolgimento della Consulta provinciale degli studenti; il Gruppo Tv7 è mediapartner.

Il concorso scolastico “La parità per crescere”

La serata di mercoledì 9 giugno, che conclude il percorso iniziato a novembre 2019 con il seminario residenziale di due giorni a Crespano del Grappa (Treviso) dei rappresentanti delle consulte studentesche della provincia di Padova, è l’occasione – attesa e rimandata più volte per mesi a causa dell’emergenza Covid – per l’assegnazione dei premi della giuria agli undici cortometraggi inviati dagli studenti da tutta la provincia di Padova che hanno partecipato al concorso scolastico “La parità per crescere” e che sono stati realizzati lo scorso anno durante il lockdown e nel periodo successivo fino al 31 luglio.

Il premio all'istituto Meucci di Cittadella

A ritirare il “premio del pubblico” saranno gli studenti dell’istituto Meucci di Cittadella per il cortometraggio “Donna” che ha ottenuto il maggior numero di visualizzazioni sul canale Youtube del Rotary Padova.

Seensibilizzare i giovani

Attraverso la realizzazione di brevi filmati di un minuto circa girati da classi, gruppi di studenti di istituti diversi o da singoli ragazzi, lobiettivo del lavoro è stato sensibilizzare i giovani sulle pari opportunità contro i pregiudizi, gli stereotipi culturali e la violenza di genere, per la promozione e la diffusione di un linguaggio nuovo, che riconosca in pieno e rispetti lidentità femminile.

I premi

Ogni gruppo partecipante riceverà un buono spesa da investire in materiale digitale nel negozio indicato: i premi vanno da un valore massimo di 500 euro (per il primo classificato) a scalare fino a 100 euro. I primi tre spot classificati saranno circuitati per 90 giorni nel palinsesto di Tv7.

La cerimonia

Nel corso della cerimonia al Pollini di mercoledì 9 giugno verrà anche presentato lo spettacolo teatrale “Ogni 8 minuti” contro la violenza sulle donne e messo in scena dagli ex allievi del laboratorio teatrale del Liceo scientifico Alvise Cornaro di Padova, su testo di Loredana DAlesio, per la regia di Alberto Riello e laiuto regia di Massimo Farina.

La cultura del rispetto 

Enrico Turrin, consigliere alla Cultura della Provincia di Padova, che ha sostenuto con convinzione il progetto “La parità per crescere”: «Si tratta di un progetto che stimola la creatività degli studenti per diffondere una cultura del rispetto di genere e del rispetto reciproco. La cronaca purtroppo riporta quasi quotidianamente notizie relative a femminicidi, maltrattamenti e abusi sia mentali che fisici. La strage delle donne non si ferma: sono 38 dall’inizio dell’anno, due a settimana. Una vera e propria emergenza e credo che il lavoro debba partire proprio dai ragazzi. Serva un profondo cambiamento di mentalità, fondato assolutamente sul rispetto e l’educazione ad iniziare proprio dalle scuole. Già oggi esistono misure concrete a sostegno delle pari opportunità, ma tali norme vanno pubblicizzate e spiegate affinché tutti i soggetti, pubblici e privati, possano attuarle. Ringrazio gli organizzatori e gli studenti per questo lavoro significativo perché sono convinto che in questo percorso siano proprio loro ad indicare la direzione migliore per costruire un Paese più equo e solidale».

Tanti i progetti rivolti ai giovani e al loro futuro

Roberto Paccagnella, presidente Rotary club Padova (annata 2020-2021), sottolinea l’impegno e il sostegno alle nuove generazioni con la realizzazione di più di un service mirato allo scopo: «Come in questa occasione e con il premio musicale Claudio Scimone ai giovani talenti, il Rotary club Padova si occupa di politiche giovanili, sviluppo culturale e professionale di fasce d’età diverse. Nel corso di quest’ultimo anno scolastico abbiamo donato agli istituti scolastici padovani 290 collegamenti internet per la didattica a distanza di bambini e ragazzi della scuola dell’obbligo appartenenti a famiglie in situazioni di fragilità economica. Inoltre, abbiamo indetto a inizio anno il premio Carlo Someda per premiare i migliori tre laureati in ingegneria informatica erogando un totale di 7 mila euro a sostegno dei costi delle iscrizioni universitarie: sono giunti al Rotary club Padova curriculum formidabili che indicano con quanta responsabilità alcuni giovani stiano mettendo nella costruzione del loro futuro».

Un aiuto a chi è vittima

Inoltre, il Rotary club Padova, insieme al Rotary club Camposampiero, è impegnato ad aiutare le donne vittime di abusi che decidono di uscire dalla loro drammatica situazione. «Il service è a sostegno del Centro Veneto Progetti Donna-Auser che gestisce 5 centri antiviolenza (Padova, Este, Piove di Sacco, Rubano, Cittadella con il collegato punto di ascolto a Camposampiero) - continua il presidente Paccagnella - Si tratta di sostenere l'attività della sede di Camposampiero incentrata sull’ascolto e reperibilità di un'operatrice formata (numero verde attivo 12h al giorno più segreteria telefonica h24) che effettua una prima valutazione della situazione per poi organizzare colloqui con un'operatrice specializzata. Ai colloqui seguono altre valutazioni per la possibile accoglienza della donna ed eventuali figli, presa in carico e costruzione del progetto individuale di uscita dalla violenza».

Il ritorno alla normalità

Giovanna Cauteruccio, socia del Rotary club Padova e responsabile del progetto “La parità per crescere”, racconta: «Gli studenti non se la sono sentita di accettare la proposta di una premiazione on line: nonostante il desiderio di conoscere i vincitori e di ritirare i premi in palio, hanno preferito aspettare un anno intero una serata in presenza. Per loro è diventata molto più di una cerimonia di premiazione: rappresenta il ritorno alla normalità, il valore della resilienza. Soprattutto per loro ci siamo impegnati a realizzare l’evento di mercoledì 9 giugno al Pollini. Per tenere nel frattempo vivo l’interesse nelle scuole sulla tematica e sul concorso, abbiamo deciso, d’accordo con l’Ufficio Scolastico Territoriale, di pubblicare sul canale Youtube del Rotary club Padova i video e di invitare gli studenti a votare per l’assegnazione del premio del pubblico».

Informazioni

www.rotarypadova.it

pagina https://www.facebook.com/RotaryClubPadova

https://www.instagram.com/rotaryclubpadova/

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop ai pregiudizi di genere: gli studenti del Meucci di Cittadella premiati al concorso di corti “La parità per crescere”

PadovaOggi è in caricamento