animali-domestici

Guinzagli per gatti: le tipologie, come sceglierli e come usarli

I guinzagli per i gatti sono utili per passeggiare in totale sicurezza e relax. Ma quali sono i modelli migliori? Come sceglierli e come indossarli?

La guinzaglieria e i collari per i gatti sono accessori indispensabili da avere sempre dietro, se si desidera trascorrere del tempo fuori casa con il proprio pet per una gita o una passeggiata in città. 

Questi ausili sono fondamentali per andare a spasso con il proprio gatto, senza esporlo ai rischi e ai pericoli della strada.

Ma non è tutto, perché durante una passeggiata al parco con il proprio felino si possono incontrare altri pericoli, come le zecche e le pulci, spesso causa di patologie più gravi come la malattia di Lyme, nota anche con il nome di borreliosi, e la babesiosi.

Quindi, è importante dopo ogni passeggiata nel verde controllare accuratamente il pet e verificare che non sia stato attaccato da questi parassiti.

Quali sono le zone del corpo da osservare in modo più scrupoloso? In generale è opportuno effettuare un controllo generale del corpo dell'animale, ma vi sono delle zone che le zecche amano maggiormente attaccare, ossia:

  • le orecchie
  • la testa
  • la pancia
  • la parte interna degli arti

Cosa fare in caso di parassita

Se si individua una zecca, è opportuno rimuoverla con una pinzetta specifica per parassiti.

Il consiglio è di non schiacciare mai questi insetti, perché i batteri che si trovano all'interno del loro corpo possono penetrare nella ferita sulla cute del gatto, causando infezioni anche gravi.

Ovviamente, è possibile prevenire questo problema ricorrendo a prodotti specifici e repellenti, come ad esempio i collari antiparassitari per gatti; un rimedio efficace per garantire al pet il massimo della sicurezza e del benessere anche durante la passeggiata.

Di seguito tutte le tipologie di collari per gatti e alcuni consigli su come sceglierli e usarli.

Tipologie di guinzagli e pettorine

Prima di vedere nello specifico quali sono le tipologie di guinzagli e pettorine, è bene sottolineare che all'inizio può accadere che il gatto si senta “costretto” e in trappola e non accetti di indossare questo accessorio, perché rispetto ai cani non solo sono meno abituati, ma sono più indipendenti e autonomi; quindi, il consiglio è di armarsi di tanta pazienza per far familiarizzare il pet con questi nuovi accessori.

La guinzaglieria per i gatti può avere svariate caratteristiche, l’importante è scegliere il modello ideale e più consono per il proprio animale.

Le varie tipologie reperibili in commercio possono essere:

  • in nylon: si tratta di accessori resistenti e al tempo stesso molto confortevoli in modo da garantire sicurezza e relax al pet
  • con elastico: in modo da poter essere usato in totale sicurezza perché antisoffoco
  • con sonaglio: ideale per il gioco e se il gatto esce da solo in giardino, in modo da sentirlo e averlo sotto controllo
  • riflettente: ossia visibile anche di notte 
  • con chiusura di sicurezza rapida: in modo da poter essere indossato facilmente

La tipologia di guinzaglio perfetta per il gatto, soprattutto per le passeggiate all’aperto, è quella a pettorina, con apposita imbracatura. Le pettorine possono essere:

  • imbottite
  • a fascia
  • dotate di chiusura facile con velcro

Per scegliere il guinzaglio a pettorina bisogna valutare l’età del gatto e il suo peso, perché se da un lato non devono stringere troppo l’addome, non devono neanche essere eccessivamente larghe; quindi, prima di procedere con l’acquisto, è opportuno fare delle attente valutazioni.

Tra i modelli più utilizzati troviamo:

  • pettorina a X: detta anche pettorina a 8, è formata da due parti, una si lega al collo del gatto e l’altra sulla schiena. Questo modello deve essere di una misura perfetta, altrimenti è possibile che il gatto riesca a liberarsi.
  • pettorina modello H: questo è il più usato e apprezzato, sia dai gatti sia dai padroni, non solo perché è il più confortevole ma anche perché è il più facile da indossare.

Collari per gatti: tipologie, caratteristiche e quando usarli

I collari per gatti sono comodi e pratici da utilizzare, sia per le passeggiate all’aperto sia in casa, ma anche per una gita fuori porta in città. In commercio è possibile trovare diverse tipologie, da quelli più semplici e classici a quelli più alla moda, colorati e decorati con applicazioni glamour come strass o papillon.

I collari, inoltre, possono essere arricchiti con la classica medaglietta con l’incisione del nome, oppure con il sonaglio, seppur mal visto dai gatti perché in contrasto con il loro istinto da predatori.

Se il pet è abituato a indossare il collare sarà molto semplice legarlo al guinzaglio per uscire; in caso contrario è consigliabile non insistere e rispettare i tempi dell’animale.

Per abituarlo a usare il collare è possibile lasciarlo nella sua cuccia per alcuni giorni, in modo che prenda confidenza con questo nuovo oggetto; è importante anche premiare il pet con giochi e cibo ogni volta che mostra un atteggiamento positivo nei confronti di questi accessori ai loro occhi tanto “strani” e misteriosi.

Una volta indossato il collare, è meglio lasciare sempre un po’ di spazio, in questo modo l’animale non si sentirà costretto e starà molto più comodo; tra le varie tipologie in commercio è meglio scegliere:

  • un collare antisoffoco dotato di elastico
  • un modello in nylon, perché più resistente
  • un modello riflettente in caso di passeggiate alla sera

In commercio vi sono anche i collari antiparassitari, dotati di sostanze naturali e biologiche dall’effetto repellente per pulci e zecche, ma assolutamente innocue per gli animali.

Se il tuo gatto è pronto a passeggiare al guinzaglio, organizza una gita in sicurezza, e visita una magnifica città che offre molte opzioni cat-friendly. Prima di partire, non dimenticare di preparare un kit a prova di gatto.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Dopo 15 anni ritrova il suo proprietario: l’incredibile storia della gatta Brandy

  • Cani da adottare a Padova: tutti i pet in cerca di famiglia

  • Guinzagli per gatti: le tipologie, come sceglierli e come usarli

  • Come scegliere l’animale da adottare: tips e consigli utili

Torna su
PadovaOggi è in caricamento