rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Trend

Le lauree più richieste dal mercato del lavoro: lo studio di Unioncamere e Anpal

Primo posto per Economia e Statistica, ultimo per il settore agroalimentare: ecco le lauree più richieste dal mercato del lavoro nei prossimi cinque anni secondo una recente ricerca di Anpal e Unioncamere

Basta una laurea per trovare lavoro? Spesso ci si sente dire che, a causa della crisi che stiamo attraversando, studiare serve poco o addirittura a nulla. Molti giovani oggi hanno rinunciato agli studi. Ci sono però altrettanti ragazzi che dopo il diploma hanno deciso di continuare il proprio percorso formativo per raggiungere gli obiettivi prefissati e, magari, trovare il lavoro dei sogni che doni la stabilità desiderata. A dimostrare che studiare serve è proprio una recente ricerca condotta da Unioncamere e Anpal.

Lo studio ha stimato in diversi settori il fabbisogno di laureati nel quinquennio 2021-2025, ovvero quali sono, e saranno, le lauree più richieste dal mercato del lavoro nei prossimi cinque anni. Se quindi si è indecisi sul tipo di percorso che si vuole intraprendere all'università, un ottimo aiuto potrebbe essere proprio questa ricerca.

Il fabbisogno di laureati

Secondo gli esperti, e come leggiamo su Sky Tg24, dal 2021 al 2025 il fabbisogno di laureati dovrebbe attestarsi intorno a 1,2 milioni di unità in totale. Il 61-62% è rappresentato da lavoratori del settore privato (dipendenti e indipendenti) e il restante 38-39% da lavoratori dipendenti nel settore pubblico. Nello studio viene inoltre specificato che il 62% del fabbisogno della Pubblica amministrazione nei prossimi cinque anni "sarà rappresentato da personale in possesso di un titolo di livello universitario".

Quando la laurea diventa fondamentale

Ma quali sono i settori economici in cui la laurea diventa un titolo fondamentale? La prima posizione spetta "all'area economico-statistica, con una domanda compresa tra 36mila-40mila unità in media annua".

In seconda posizione troviamo l'area giuridico e politico-sociale, per la quale "si prevede una richiesta di oltre 39mila unità all'anno". Al terzo posto c'è l'area medico-sanitaria, la richiesta annuale media è stimata intorno ai 33-35mila laureati.

Quarto posto per il settore ingegneristico, che - sempre secondo la ricerca in questione - avrà bisogno di 31-35mila laureati all'anno. Quinto posto per l'area dell'insegnamento e della formazione: si stima che saranno necessari circa 25mila laureati all'anno.
 
Il sesto posto spetta invece all'ambiente letterario, filosofico, storico e artistico, il cui fabbisogno di laureati sarà di poco più di 13mila all'anno. In settima posizione troviamo architettura e il settore urbanistico-territoriale: anche in questo caso la richiesta sarà di poco più di 13mila all'anno.
 
Ottavo posto per il settore linguistico, di traduzione e interpretariato: quasi 9mila laureati richiesti all'anno. Nono posto per il settore scientifico, matematico e fisico: richiesti dagli 8.400 agli 8.800 laureati all'anno. Decima posizione per psicologia: richiesti dai 6.400 ai 6.900 laureati all'anno.

Concludiamo con gli ultimi tre posti: all'undicesimo posto troviamo il settore geo-biologico e delle biotecnologie: 5.700-5.900 laureati all'anno; dodicesimo per il settore chimico-farmaceutico: richiesti dai 4.100 ai 4.600 laureati all'anno; chiude la classifica, al tredicesimo posto, il settore agroalimentare: in questo caso verranno richiesti poco più di 3mila laureati all'anno.

La classifica

Ecco quindi la classifica della ricerca di Unioncamere e Anpal:

  1. Economia e Statistica;
  2. Giurisprudenza;
  3. Medicina e Infermieristica;
  4. Ingegneria;
  5. Formazione;
  6. Lettere e Arte;
  7. Architettura;
  8. Traduzione e Interpretariato;
  9. Matematica e Fisica;
  10. Psicologia;
  11. Biotecnologie;
  12. Chimica e Farmacia;
  13. Agroalimentare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le lauree più richieste dal mercato del lavoro: lo studio di Unioncamere e Anpal

PadovaOggi è in caricamento