rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Altro

Tra sogno e realtà, l'Antenore Sport Padova promossa in Serie B nel calcio a 5

La società presieduta da Franco Zanon, fondata appena sei anni fa nel 2018 da un gruppo di giocatori e tecnici fuoriusciti dal Calcio Padova C5, ha centrato la terza promozione della sua storia e si candida a diventare protagonista anche nella scena nazionale

Una nuova squadra padovana raggiunge i campionati nazionali di calcio a 5: l’Antenore Sport Padova. La squadra ha conquistato la promozione in Serie B per la prima volta nella sua storia, vincendo la finale degli spareggi nazionali contro lo Jesi. Un piccolo grande capolavoro della società presieduta da Franco Zanon, fondata appena sei anni fa, nel 2018, da un gruppo di giocatori e tecnici fuoriusciti dal Calcio Padova C5.

Al primo anno di vita, l’Antenore ha centrato la promozione dalla Serie D alla C/2. Poi sono arrivate la pandemia e i campionati sospesi per Covid, che non hanno però impedito ai biancorossi di scalare un’altra categoria e issarsi fino alla Serie C/1. La svolta è arrivata poi la scorsa stagione, quando è stata affidata la panchina al giovane ed esordiente tecnico Andrea Rozzato. Grazie a una rosa composta in larga parte da giocatori cresciuti nel proprio settore giovanile, nel 2022/23 l’Antenore ha sfiorato la promozione in Serie B, perdendo il campionato all’ultima giornata e venendo sconfitto nella finale playoff. La pazienza però, premia i forti, e in questa stagione, sempre con una rosa in gran parte confermata rispetto all’anno precedente, i ragazzi di Rozzato sono arrivati secondi in campionato, prima di cominciare una lunga cavalcata vincente ai playoff. E stavolta è arrivato anche il lieto fine. Contro lo Jesi è finita 1-1 sia all’andata alla Guizza che al ritorno nelle Marche. Sono stati decisivi i calci di rigore a premiare l'Antenore che già pregusta il derby nella prossima stagione contro il Padova.

Le parole dei protagonisti 

Euforico il capitano di questa squadra vincente, Federico Crepaldi: «Quando abbiamo iniziato questo percorso avevamo voglia di fare bene, ma comunque eravamo in pochi e senza grosse risorse», ha esordito il giocatore-vice presidente della squadra. «Chi ha deciso di iniziare con noi quest'avventura nel 2018 sa quanto è stato investito e quanto ci ha assorbito questo progetto. Raggiungere in così poco tempo questi traguardi e con una serie di altri risultati correlati a livello di settore giovanile è qualcosa che appaga e gratifica. Subito dopo l'ultimo rigore che ha sancito la vittoria di sabato e quindi l'automatica promozione in serie B è come se avessi ricevuto istantaneamente un resoconto degli ultimi 6 anni in cui a venire premiati erano anche gli enormi sacrifici fatti sin qui. Un'emozione unica che porterò sempre con me e per questo sono grato a chiunque abbia gravitato attorno al movimento, contribuendo in qualche modo a quello che siamo oggi».

Dello stesso tenore emotivo anche le parole di Andrea Rozzato, l'artefice di questa impresa alla guida dei padovani: «La promozione in Serie B è la consacrazione di anni di lavoro del club ad ogni livello, in particolare nel settore giovanile: centrare la promozione con più della metà della squadra nata e cresciuta con i nostri colori addosso conferma quanto crediamo nella formazione dei giovani talenti del territorio. Ci approcciamo a questa nuova avventura nella categoria nazionale con entusiasmo e voglia di continuare a crescere, passo dopo passo, per regalare emozioni ai tanti tifosi biancorossi che hanno riempito il Pala Gozzano quest’anno».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tra sogno e realtà, l'Antenore Sport Padova promossa in Serie B nel calcio a 5

PadovaOggi è in caricamento