Apnea: record italiano e due medaglie per Antonio Mogavero al campionato francese

Il ventiduenne padovano, portacolori azzurro del team di Y-40 The Deep Joy, a -93 metri in Free Immersion è riuscito a ben figurare in una stagione partita alla grande

È iniziata nel migliore dei modi la stagione per Antonio Mogavero, il 22enne padovano, campione di apnea della squadra di Y-40® The Deep Joy. Già nel mese di maggio si è distinto a Sharm el Sheik, durante il Campionato Nazionale Russo, campo di gara nel quale Mogavero ha conquistato il Record Italiano AIDA scendendo fino a -85 metri in assetto costante nella specialità due pinne e la medaglia d’argento nella specialità Free Immersion.

Succesi francesi

La scorsa settimana, invece, a Villefranche-sur-mer, durante il 7° Campionato Nazionale Francese, il giovane di Cadoneghe, in Free Immersion, tirandosi con le sole braccia lungo il cavo, senza l’ausilio di attrezzi (pinne o monopinna), ha omologato i -93 metri che gli sono valsi la medaglia di bronzo, superando di 3 metri il precedente record italiano e omologando, dunque, il nuovo record italiano CMAS. Al secondo giorno di gara oltralpe, il tuffo a -86 metri in assetto costante con le due pinne gli è valso l’argento alle spalle dell’attuale Campione del Mondo della specialità Arnaud Jerald.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gara complessa

«È stata una gara complessa perché un piccolo infortunio nei giorni scorsi non mi ha consentito di allenarmi come avrei voluto – spiega Mogavero - Oltre a ciò, nel Mediterraneo, oltre i 25 metri, la temperatura scende rapidamente fino ai 14°C registrati alla massima profondità, il che non aiuta il rilassamento. Ciò nonostante, anche grazie all’assistenza del Direttore Sportivo della FIPSAS Michele Geraci e a Virginia Busi e al sostegno del gruppo Doria di Y-40 The Deep Joy, metro dopo metro, sono riuscito a staccare il cartellino con la misura che mi ero prefissato. Il cammino in vista dei prossimi Campionati del mondo in Honduras ad agosto è ancora lungo, c'è sicuramente molto su cui lavorare, ma, per quel che mi riguarda, non vedo davvero l'ora».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Coronavirus, Zaia: «L'Azienda Ospedaliera di Padova? Nessuno mette in discussione Flor»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento