Fino all'ultimo centimetro: che sfida "in famiglia" per Veronica Zanon e Carol Zangobbo

Duello ad Abano Terme tra le due saltatrici di punta di Assindustria Sport: entrambe a 6.21 nel lungo, Zanon vince su Zangobbo per la seconda miglior misura

Veronica Zanon

Appassionante sfida sul filo dei centimetri ad Abano Terme tra le due saltatrici di punta di Assindustria Sport. Talmente combattuta da finire alla pari, a 6.21 metri nel lungo, con vittoria a Veronica Zanon e piazza d’onore per Carol Zangobbo soltanto per via della seconda miglior misura.

La gara

A Veronica è mancato, nell’occasione, un solo centimetro per eguagliare il record personale. Nella serata dedicata al 3° e 4° Test di allenamento certificato (TAC) a livello regionale, che ha coinvolto circa 400 atleti, l’azzurrina di Galliera Veneta, allenata da Ormisda De Poli, ha comunque realizzato la seconda misura di sempre, a un centimetro dal 6.22 saltato nel 2018 quand’era ancora allieva. La primatista italiana juniores indoor di salto triplo (13.65) ha ottenuto il risultato vincente alla sesta prova, piazzando la zampata che le ha permesso di avere la meglio sulla compagna di squadra, a sua volta arrivata a 6.21 (e persino con il vento che soffiava esattamente con la stessa intensità, a +0.8 metri al secondo) nel precedente turno di salti. Decisivo dunque il 6.15 della sua seconda miglior misura contro il 6.03 di Carol Zangobbo. Terza, con 5.91 (+0.6), la trevigiana Martina Lorenzetto. Non paga, dopo aver fatto suo il lungo Veronica Zanon è anche giunta terza nei 200 (25”02, +0.6) vinti dalla veronese Anna Polinari, saltando un turno di salti per la concomitanza fra le due gare.

Abano_Premiazione-del-salto-in-lungo-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I risultati

La rinnovata pista di Monteortone ha però sorriso anche ad altri atleti gialloblù. Al successo arrivano infatti pure Federico Camuffo, che si impone nell’alto a quota 2.06 (mancando di poco l’assalto ai 2.09 e chiudendo davanti al compagno di maglia Tiziano Feletto, terzo a 2.00), e Francesco Greggio, che blocca il cronometro dopo 21”76 nei 200 metri, confermando il buono stato di forma. Sul podio, inoltre, le velociste Arianna Bacelle ed Elena Baccarin, seconda e terza rispettivamente in 12”71 e 12”73 nei 100, e Michele Dianin, terzo nei 150 in 17”10.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Sr 308, morti il 19enne alla guida dell'auto e il camionista

  • Tragedia nell’Alta Padovana: malore improvviso, 16enne perde la vita

  • «Il suo reparto è in lutto con noi tutti»: infarto fatale per Elena, 39enne infermiera padovana

  • Mister Italia 2020: un 27enne di San Martino di Lupari vola in finale

  • Giro d'Italia 2020: nuova data per la tappa di Monselice, inserita l'ascesa al Roccolo

  • Vaccino anti-Coronavirus, pronta a partire la sperimentazione in Veneto: l'annuncio della Regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento