rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Basket

Troppa Roseto per Padova. Al PalaMaggetti la Virtus lotta ma la spunta la Liofilchem

I neroverdi rientrano fino al meno due nel terzo quarto ma cedono poi alla distanza

Trasferta difficile in terra abruzzese per i neroverdi che non riescono nell’impresa di battere la seconda della classe Roseto, che conferma il suo potenziale resistendo al prepotente rientro dei ragazzi di Coach De Nicolao nel terzo quarto e superando alla distanza la Virtus con il punteggio finale di 81-70.

La gara inizia sui binari dell’equilibrio con Antelli e Scanzi protagonisti dei primi dieci punti di marca neroverde. I padroni di casa si affidano alla regia di Mantzaris e alla fisicità di Klyuchnyk sotto canestro, chiudendo avanti il primo quarto (21-14). I padovani con grinta riescono a ricucire lo strappo nei primi 5’ della seconda frazione grazie a un ispirato Michele Ferrari, salvo poi subire il contro break (15-7) degli abruzzesi che vanno al riposo sul più otto dopo una tripla di Bianconi. In avvio di ripresa la Virtus sembra tornata quella vista qualche settimana fa a Fabriano: a suon di triple, i neroverdi si riportano a meno due (53-51) con la bomba di Molinaro ad aprire la ripresa e le due a testa di Antelli (15 punti e 6 assist) e Bianconi, che chiuderà con 18 punti e 4/7 da tre. I padroni di casa mostrano i muscoli e, nonostante il consueto apporto di Michele Ferrari (15 punti e 7 falli subiti), ritrovano il vantaggio in doppia cifra a cavallo tra terzo e quarto quarto. Coach De Nicolao è costretto a rinunciare al suo asse play-pivot titolare nei primi minuti dell’ultima frazione con Molinaro e Antelli che devono accomodarsi in panchina con cinque falli.  A 5’ dalla sirena finale Roseto mette le mani sulla partita allargando il divario fino al più sedici e, di fatto, chiudendo i giochi e amministrando poi il tempo rimasto sul cronometro.

La cronaca della partita Liofilchem Roseto – Virtus Padova 

Una bella penetrazione di Michele Antelli è il primo acuto neroverde nella trasferta a Roseto. Klyuchnyk e Guaiana firmano il sorpasso per Roseto, ma immediata arriva la tripla di Antelli (4-5). Klyuchnyk nel pitturato e poi da tre punti manda a referto il più quattro Roseto (9-5). Andrea Scanzi risponde con cinque punti consecutivi, inclusa la bomba frontale del nuovo più uno (9-10). Klyuchnyk è un fattore sotto canestro e a rimbalzo d’attacco: il suo 1/2 in lunetta firma la parità a quota dieci. Padova per tre volte non trova il bersaglio da oltre l’arco e Roseto, ai liberi e con un altro timbro di Klyuchnyk, si riporta a più quattro (14-10) a 3’ 37’’ dalla fine del primo quarto. Coach De Nicolao prova a rimettere ordine, chiamando il suo primo time out, e dopo oltre un minuto senza canestri, Bianconi fa di nuovo meno due. La bomba del campione greco Mantzaris (autore di sei assist nei primi 10’) allunga per i padroni di casa, ma Michele Ferrari a rimbalzo d’attacco scrive il 17-14. Negli ultimi 30’’ del quarto la Liofilchem trova il mini break che aumenta il suo vantaggio per il 21-14 sulla prima sirena.

Una bomba in step back di Lorenzo Molinaro è il miglior inizio di secondo quarto per i neroverdi. Roseto continua a vincere la battaglia a rimbalzo d’attacco e il due su due in lunetta di Tamani è utile a fare più sei. La bomba di Michele Antelli su assist di Ferrari riporta i suoi a meno tre dopo 2’ di gioco. Si invertono i ruoli e Ferrari nel pitturato, servito dal play, ne realizza altri due (23-22). Roseto continua a macinare punti dalla linea della carità ma un ispirato Michele Ferrari in penetrazione segna, subisce il fallo e realizza il libero aggiuntivo del 25 pari. Adesso è Padova a provare a fare la partita, difendendo forte e mantenendo aperto il parziale del secondo quarto (4-11) con Roseto che nei primi 4’ segna fin qui punti solo dalla lunetta. In uscita dal timeout abruzzese, Klyuchnyk fa uno su due, sempre dalla lunetta. Molinaro gli replica, sempre ai liberi, realizzandone due (26-27). Guaiana contro sorpassa subito e il lungo neroverde deve sedersi in panca con tre falli. Roseto realizza ancora con l’arresto e tiro di Donadoni e poi con Klyuchnyk per il nuovo più cinque (32-27). La Virtus si incarta in attacco e la bomba allo scadere dei 24’’ di Durante fa volare gli abruzzesi a più otto (35-27) obbligando la panchina neroverde a correre ai ripari con il time out a 2’ 46’’ dall’intervallo. Padova non trova più il canestro, mentre Roseto, con la bomba di Santiangeli, vola a più undici (38-27). Michele Ferrari, con un doppio viaggio in lunetta e il suo due su quattro ai liberi, arresta il parziale dei padroni di casa che sfruttano però un dominante Klyuchnyk per rimanere a più undici. Nell’ultimo minuto del quarto c’è solo la tripla, puro ossigeno, di Corrado Bianconi che fissa il 40-32 di metà gara.

La tripla di Lorenzo Molinaro prova a tenere a galla i neroverdi che scivolano però a meno dodici dopo 2’ (47-35). Michele Antelli, ancora da oltre l’arco, realizza tre punti importanti che vengono però immediatamente annullati dalla bomba di Guaiana (50-38). Un morbido appoggio in area di Andrea Scanzi scrive il meno dieci, una bomba di Bianconi il meno sette (50-43). Santiangeli rimette dieci lunghezze di distacco da oltre l’arco prima che Andrea Scanzi, ancora in penetrazione, ne realizzi altri due. Corrado Bianconi si ripete dall’arco e fa meno cinque (53-48) e, dopo un errore dei padroni di casa, Padova torna a meno due con la bomba di Michele Antelli (53-52). Dopo il timeout rosetano Santiangeli e Mantzaris realizzano una tripla a testa che riporta la squadra di casa a più otto (59-51) e, dopo una palla persa dai neroverdi, nuovamente a più undici (62-51). Nell’ultimo minuto del terzo quarto ci sono l’uno su due in lunetta di Antelli e l’ennesimo colpo su colpo di triple con quella di Santiangeli da una parte e quella di Corrado Bianconi dall’altra che lasciano dieci lunghezze di distacco tra le due squadre (65-55).

Il canestro di Tamani riporta Roseto a più dodici dopo 1’ nell’ultimo quarto e Coach De Nicolao decide di spendere subito il timeout. Padova non trova il canestro e la tripla di Guaiana fa più quindici (70-55) a 8’ dalla fine. Corrado Bianconi si guadagna due liberi che manda a bersaglio fermando l’emorragia offensiva ma la Virtus perde il suo play, Michele Antelli, che arriva a quota cinque falli con due personali ravvicinati. Michele Ferrari, servito in area da Scanzi, riporta i suoi a meno undici (70-59) ma anche Molinaro viene costretto alla panca con cinque falli, lasciando spazio a Marco Ius. A cinque minuti dal termine, dopo un antisportivo di Bianconi, Roseto allunga nuovamente mettendo un decisivo timbro sul match (75-59). L’asse Scanzi-Ferrari manda a referto altri due punti ma i padroni di casa realizzano ancora allo scadere dei 24’’ (77-61). Andrea Scanzi smazza un altro assist, stavolta per Marco Ius, e il due su due in lunetta di Corrado Bianconi fa meno dodici a 3’ minuti dalla sirena finale (77-65). Roseto amministra guardando il cronometro e ipoteca il successo con un’altra penetrazione vincente. Nel garbage time c’è poco basket giocato da ambo i lati, oltre a un altro canestro di Marco Ius e la tripla di Giacomo Cecchinato, che fissano l’81-70 finale.

La voce del Coach 

“Oggi, pur lottando, abbiamo pagato la mancanza di continuità e i cali di intensità che ci hanno portato a subire i parziali che si sono poi rivelati decisivi. Nei momenti in cui, invece, siamo riusciti ad esprimerci al meglio, abbiamo trovato il ritmo e la fiducia per stare in partita, come nel terzo quarto quando siamo rientrati fino al meno due.   – commenta a fine gara il Coach della Virtus Padova, Riccardo De Nicolao – Adesso rimaniamo concentrarci, mercoledì ci attende un’altra gara fondamentale. Sappiamo che, per tornare a fare bene, abbiamo bisogno, da parte di tutto il gruppo, di una prestazione importante che nasca dall’intensità e dall’energia che dobbiamo mettere in tutti i quaranta minuti”. 

Liofilchem Roseto - Pallacanestro Virtus Padova 81-70 (21-14, 19-18, 25-23, 16-15)

Liofilchem Roseto: Vincenzo Guaiana 18 (5/8, 2/4), Dimitri Klyuchnyk 18 (4/9, 1/2), Marco Santiangeli 14 (0/3, 4/7), Giordano Durante 11 (2/2, 2/4), Vangelis Mantzaris 10 (2/7, 2/5), Georges Tamani 8 (2/4, 0/0), Alessio Donadoni 2 (1/6, 0/4), Ousmane Maiga 0 (0/0, 0/0), Angelo Mastrototaro 0 (0/0, 0/0), Brian Dervishi 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 16 / 19 - Rimbalzi: 36 12 + 24 (Marco Santiangeli 9) - Assist: 18 (Vangelis Mantzaris 9)

Pallacanestro Virtus Padova: Corrado Bianconi 18 (1/2, 4/7), Michele Ferrari 15 (6/9, 0/0), Michele Antelli 15 (1/2, 4/8), Andrea Scanzi 9 (3/7, 1/3), Lorenzo Molinaro 8 (0/2, 2/3), Giacomo Cecchinato 3 (0/3, 1/6), Marco Ius 2 (1/1, 0/2), Federico Osellieri 0 (0/0, 0/2), Federico Schiavon 0 (0/0, 0/2), Aaron Guevarra 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 10 / 15 - Rimbalzi: 28 6 + 22 (Lorenzo Molinaro 6) - Assist: 12 (Michele Antelli 6)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppa Roseto per Padova. Al PalaMaggetti la Virtus lotta ma la spunta la Liofilchem

PadovaOggi è in caricamento