Calcio Padova C5, con il Murazze è "da brividi" ma arriva la quarta vittoria consecutiva

Un Padova a due facce quello di ieri sera: in controllo e coraggioso fino a pochi minuti dalla fine del primo tempo, distratto e poco affamato nella ripresa. I rodigini del Murazze ad un passo dal compiere l’impresa si arrendono nel finale del secondo tempo: i biancoscudati salgono al secondo posto in classifica

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Riceviamo e pubblichiamo.

"Termina 5-3 l’ultimo match in casa del 2017 del Padova. I biancoscudati fanno vivere ai propri tifosi una serata horror a lieto fine, mostrando il meglio e il peggio in una partita da archiviare ma che porta comunque i tre punti e soprattutto l’aggancio al Montecchio, lì sulla seconda piazza del campionato di C1 dietro l’ormai irraggiungibile Sporting Altamarca a +12.

Partono benissimo i patavini che, a parte un contropiede del Murazze neutralizzato da Feverati, amministrano la partita mantenendo il controllo del gioco. A portare in vantaggio la squadra locale è Crepaldi che batte l’ex biancoscudato Ballarin in girata. Tchamesse trova il due a zero dopo aver conquistato palla nella metà del terreno di gioco e, in campo aperto, trafigge ancora l’estremo difensore ospite in uscita.

Sul doppio vantaggio sale la pressione del Murazze che si rende pericoloso dalla distanza. Forse nel momento di maggior pressione ospite arriva il 3 a 0: Celin in girata dalla sinistra, dopo un calcio d’angolo, infila in rete sul lato opposto trovando la prima marcatura di giornata.

Da qui in poi diventa difficile commentare la prestazione patavina: la concentrazione cala bruscamente, probabilmente a causa di un parziale largo che faceva pensare ad una pratica già chiusa ma che in realtà non lo era assolutamente.

Il Murazze accorcia siglando il 3-1 in ripartenza e chiudendo fino alla fine del primo tempo il Padova nei propri 20 metri. E’ l’indizio che fa presagire un avvio shock nella ripresa. Nell’intervallo coach Rodriguez chiede maggior attenzione ed intensità ma non viene accontentato: in pochi minuti i rossoblù di Porto Viro prima trovano il 3-2 e poi pareggiano gelando letteralmente le tribune della Gozzano.

La partita si apre ad ogni soluzione e le occasioni da entrambe le parti si sprecano.

La boccata di ossigeno arriva da calcio d’angolo: schema per Carraro che impatta la palla verso il secondo palo dove Celin devia in rete per il 4-3. Il nuovo vantaggio da più serenità al Padova che allunga poi con Rasula bravissimo a leggere e chiudere sul secondo palo l’assist di Crepaldi. Nel finale c’è anche il tempo per calciare un tiro libero: dai dieci metri si presenta Vettore che però conclude fuori.

Padova un po’ Dr. Jekyll e un po’ Mr. Hyde ma capace di raddrizzare una serata che poteva finire diversamente. Ecco quindi la quarta vittoria consecutiva che vale il secondo posto ad una giornata dal termine e del girone d’andata".

Torna su
PadovaOggi è in caricamento