Gli spalti vuoti, le maglie degli ultras, i “botti” finali: cronaca di un'atipica Padova-Sambenedettese

Vi raccontiamo il “dietro le quinte” della partita giocata martedì 30 giugno e valevole per il primo turno dei playoff di serie C

Il riscaldamento dei giocatori biancoscudati con le maglie degli ultras (foto Calcio Padova)

Ore 19.30 di martedì 30 giugno, Stadio Euganeo di Padova: tra poco più di un'ora verrà dato il calcio d'inizio di una partita che non potrà essere come tutte le altre. E basta guardarsi intorno per capirlo: il container degli accrediti, solitamente già pullulante di gente, è desolatamente chiuso. Macchine nel parcheggio: zero. Ed è solo l'inizio.

Stadio Euganeo

Si gioca Padova-Sambenedettese, sfida valevole per il primo turno dei playoff di serie C. Di quelle che solitamente attirerebbero tifosi su tifosi. C'è un problema, però: si chiama Coronavirus, e a causa sua ogni contesa calcistica tra squadre professionistiche si gioca a porte chiuse. L'unico “spiraglio” è concesso a giornalisti, alte cariche dirigenziali delle due squadre e giocatori non convocati per infortuni o squalifiche. Per entrare bisogna seguire determinate regole, tra cui la presentazione di un'autocertificazione in cui si garantisce l'assenza di sintomi da Covid-19 negli ultimi 15 giorni e la misurazione della temperatura. Risultato: 36.0 gradi, possiamo entrare. La capienza della tribuna stampa è ridotta al minimo sindacale, e oltre a sedersi a debita distanza bisogna anche tenere la mascherina per tutto il tempo. Entrano le squadre in campo per il riscaldamento, accompagnate da una musica che suona quasi beffarda: i biancoscudati sciolgono i muscoli indossando una maglietta realizzata dagli ultras con la scritta “Con Voi!”, a significare che anche se assenti loro saranno sempre al loro fianco, anche a porte chiuse.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Partita

Al fischio d'inizio ci guardiamo intorno e contiamo in quanti siamo: una settantina a farla grande, e inserendo nel computo totale anche gli steward. In poche parole il tasso di desolazione sale di minuto in minuto, e la partita non aiuta visto che tra caldo e primo match ufficiale dopo quattro mesi e mezzo la condizione non può certo essere quella dei giorni migliori. Ma il Padova regge, e basta uno 0-0 per passare il turno. Le urla di gioia della panchina biancoscudata squarciano il silenzio, e dopo qualche secondo dalla Favelas (luogo di ritrovo dei suddetti ultras, situata a meno di 100 metri dallo stadio) si sentono scoppiare dei petardi, per festeggiare il dolce pareggio. Il tutto finisce circa mezz'ora dopo il triplice fischio, con i giornalisti ancora in tribuna per la conferenza stampa via Zoom di mister Mandorlini, in collegamento dalla zona spogliatoi. Chiamarlo “calcio” è davvero difficile...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavoravano in nero e percepivano il reddito di cittadinanza: scoperti dalla guardia di finanza

  • «La nostra super Bubi ha guadagnato un passaggio per il Paradiso»: Lavinia ci ha lasciati

  • Il sorpasso azzardato causa lo scontro tra auto: un ferito elitrasportato in ospedale

  • Coronavirus, positivi 5 bambini del centro estivo e 8 ragazzi tornati dalla vacanza in Croazia

  • Due padovane in difficoltà lungo la Strada delle 52 Gallerie: interviene il soccorso alpino

  • Violento schianto contro il palo della luce: guidatrice trasportata in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento