rotate-mobile
Calcio

Serie B, Cittadella: Gian Filippo Felicioli "Marchetti il migliore, impossibile dire di no"

L'ultimo arrivato in casa granata, Gian Filippo Felicioli, tratteggia da Lavarone i primi giorni con i suoi nuovi compagni di squadra

Scalpita Gian Filippo Felicioli. L'ex prodotto del settore giovanile del Milan, nuovo acquisto del Cittadella, non vede l'ora di iniziare anche se riconosce "Rispetto ai miei compagni, che hanno già iniziato a lavorare da un paio di settimane, sono un po’ in ritardo di condizione, ma mi sto impegnando per recuperarla."

L'erede di Amedeo Benedetti è pronto a raccogliere l'eredità dell'attuale terzino del Pordenone. "Benedetti? L’ho sempre apprezzato. In questa categoria ha fatto vedere ottime cose. Ognuno è fatto a modo suo e io non so se potrò emularlo, ma sono a disposizione per dare una mano e far vedere le mie qualità. Sono sicuro che la prossima sarà un’ottima annata."

Dal ritiro di Lavarone, queste le dichiarazioni del terzino ventiquattrenne marchigiano: "In questi primi giorni ho trovato un gruppo motivato, si capisce subito che è composto da persone perbene. Sono molto contento, perché so di essere approdato a una realtà molto importante in Serie B: lo attestano le cinque qualificazioni consecutive ai playoff e le due finali raggiunte, risultati che non possono essere frutto del caso. Dietro ci devono essere per forza programmazione, lavoro e unità di intenti. Obiettivi precisi non ce ne sono, se non quello di fare meglio della stagione precedente. Sul piano personale vengo da un’annata complicata per via degli infortuni. Lo scorso gennaio mi sono sottoposto a un’operazione in artroscopia alla caviglia che mi ero infortunato tre anni prima. Ho dovuto saltare gli ultimi sei mesi a causa della riabilitazione, ma ora non ho più problemi. La trattativa è stata un lampo. Appena lunedì scorso mi sono svincolato dal Venezia. Ero a casa con la fidanzata, a Milano, quando giovedì mattina mi ha chiamato il mio procuratore dicendomi che il Cittadella stava trattando l’uscita di Benedetti e cercava un sostituto sulla fascia sinistra. Quando me l’ha detto non ci ho pensato un attimo, anche perché il direttore Marchetti è conosciuto nell’ambiente: lo reputo uno dei migliori della categoria, se non il migliore. Non potevo dire di no quando poi mi ha telefonato?. Sono un terzino offensivo, mi piace avere la palla fra i piedi e impostare il gioco da dietro. Il direttore lo sa ed è anche per queste ragioni se mi ha cercato. So come gioca il Cittadella e credo di potermi calare in questa realtà?."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serie B, Cittadella: Gian Filippo Felicioli "Marchetti il migliore, impossibile dire di no"

PadovaOggi è in caricamento