Calcio

Serie B, Cittadella: Okwonkwo l'uomo del destino?

Il nigeriano, ex Bologna, con 4 gol nelle ultime quattro partite sta trascinando il Cittadella ad un'altra stagione ai vertici della serie B.

Ogni estate lo stesso refrain: chi la butterà nel Cittadella quest'anno? Da Meggiorini fino Diaw, passando per i vari Meggiorni, Ardemagni, Litteri, Moncini, Piovaccari, tutte le annate il dg Marchetti estrae dal cilindro la punta in grado di fare la differenza. Quest'anno il prescelto per questo incantensimo è Orji Okwonkwo, ex enfant prodige Made in Bologna. 

Roberto Donadoni, all'epoca mister dei rossoblu e uno che di grandi giocatori se ne intende, parlava così di Okwonkwo il 24 settembre 2017, all'indomani del primo gol in serie A del nigeriano: "Okwonkwo deve mangiare ancora tanta biada. (...) Ha sicuramente delle potenzialità, ma è ancora da costruire”. Il gol all'89', aveva deciso il derby in casa del Sassuolo. Gli altri due gol nella stagione 2017/2018 con la maglia del Bologna, contro Verona e Sampdoria, un destino da giocatore importante, nonostante l'età giovanissima. 

Okwonkwo è un cocktail di esplosività, potenza, velocità, QI calcistico e olfatto goleador altamente sviluppato. Segnare in A prima del compimento dei 20 anni non è sicuramente una casualità. Abile Marchetti a scomettere su di lui e affiancargli due giocatori perfetti per le sue caratteristiche, come Baldini e Antonucci, altro prodigio da recuperare al grande calcio. 

Un attaccante di qualità incredibili, lusso inestimabile per la categoria cadetta. Ideale per il gioco diretto di Gorini, formidabile in campo aperto, ma efficace anche nello stretto.

A 23 anni, non è tardi. Le esperienze a Brescia, Montreal Impact in Canada e poi Reggina, con reti all'attivo prevalentemente in MLS con la squadra dell'orbita Saputo, hanno forgiato il carattere. Nel mezzo tante occasioni sprecate, certo, ma educative. Il talento abbagliante della Primavera e prima stagione bolognese è da dominatore delle charts, non da one hit singer. Tutta questione di fiducia verrebbe da dire, come dimostrano i 6 gol in 8 apparizioni con la maglia del Citta, Coppa Italia inclusa. 

Il prestito in Veneto sembra l'occasione giusta per il nigeriano, chiamato a trasformare l'incantesimo di queste prime giornate in qualche cosa di duraturo per le ambizioni del Cittadella, già ampiamente in zona playoff. L'ambiente per esplodere e maturare definitivamente è quello ideale. Al Tombolato e a Cittadella incrociano le dita e anche quest'anno sognano di lottere fino all'ultimo secondo per la serie A. Con un Okwonkwo in più, nessun sogno può essere precluso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serie B, Cittadella: Okwonkwo l'uomo del destino?

PadovaOggi è in caricamento