Cellini ancora sconfitta, ma che prestazione contro Oderzo

Cellini Padova ancora a caccia dei 2 punti ma al Palafarfalle di Padova brillano due giovani atlete della Pallamano Veneta: Fatima Aroubi e Eleonora Colloredo

Eleonora Colloredo e Fatima Aroubi

Una partita tutt’altro che già scritta come si poteva ipotizzare, visto il divario che divide le due formazioni nella classifica generale di questo campionato di Seria A Beretta femminile.

Sconfitta

La nona giornata di campionato si è chiusa con una sconfitta per la Cellini Padova, ma solo sui referti di gara. Un gioco corale diretto dall’allenatrice Demeny Gyongyi, quello delle padrone di casa che, dai primi secondi di gioco, hanno messo in chiaro alle atlete della Mechanic System Oderzo che la partita sarebbe stata tutt’altro che in discesa. E così è stato, facendo sudare alle ospiti i due punti che le riportano in lizza per il titolo di “campione d’inverno” anche se la schiacciante sconfitta di misura in casa con il Brixen pesa ancora molto sulla classifica attuale (Oderzo 18-Brixen 28).

Fatima Arubi

La Cellini Padova schiera da subito la giovanissima ala sinistra Fatima Arubi, classe 1999 cresciuta nel vivaio della Cellini avendo come mentore di gioco sin dai primi passi nel mondo della Pallamano Mauro Marchioni indiscussa anima della società Padovana oltre che del panorama tecnico Italiano. Aroubi trova da subito gli spazi per impensierire la difesa dell’Oderzo, cerca palla e viene prontamente servita dalle compagne Carelle Djiogap e Martina Bearzi. La giovane ala trova il goal creando più volte tensione fra i sei metri della difesa ospite. La sua prestazione viene rinforzata dall’intesa con un’ottima Chiara Scolaro che semina il panico tra le fila della difesa avversaria creando gli spazi per le incursioni di tutte le sorelle Djiogap che, anche in questa partita, vengono tutte registrate nel cartellino dell’arbitro con goal che sono risultati pesanti durante l’arco della gara tenendo alta ed elettrizzante l’atmosfera agonistica fino al fischio finale.

Stelle

Altra stella che ha saputo fare la differenza nella fase offensiva tra le fila delle ospiti è stata Eleonora Colloredo, cresciuta nel vivaio della A2 dell’Oderzo e voluta in A1 dall’allenatore A.Cavallaro. Una giovane ala, 19 anni, che sa ricavarsi gli spazi e le occasioni andando a colmare i vuoti offensivi dell’Oderzo che ha dovuto fare i conti con il trattamento riservato alle sue punte di diamante G. Di Pietro e A. Duran, sorvegliate speciali nelle fasi d’attacco dal “mastino” Giorgia Meneghini e di Arubi Fatima oltre all’instancabile pressing a tutto campo di Djiogap Yvana.

Oderzo

Tra le fila dell’Oderzo si sono distinte anche le Ali Beatrice Pugliara e Arianna Brunetti che, con moventi repentini, hanno sorpreso la difesa patavina. Ma ci ha pensato Martina Broch a non far prendere il volo alle ospiti, con parate da replay che hanno messo a dura prova le avversarie da i 6 metri, visto anche il loro gioco legato alla prestanza fisica. Oderzo che più volte si è quindi trovata disarmata davanti al portiere della Cellini ed alla difesa ben impostata (e di sostanza) grazie a tecnica e qualità legata al gioco di squadra. Un’armonia, quella delle padroni di casa, data dall’intesa del gruppo che, pur subendo il gioco duro delle ospiti, ha regalo ai telespettatori momenti di alta qualità tecnica, tra fasi offensive nelle quali il capitano Djiogap Carelle ha fatto la differenza sia sul versante reti (assieme la sorella Vanessa) che sull’impostazione di gioco, creando gli spazi per le ali che non hanno lasciato riposare per tutti i 60 punti di gioco la difesa dell’Oderzo.

Partita

La partita, dopo un parziale che vedeva l’Oderzo in vantaggio di sole due reti (14-16), si è conclusa 23-29 per le ospiti che sono riuscite a portare a casa i due punti sperati ma sudati (per rivedere le partite del campionato femminile Seria A Beretta www.elevensports.it). Prossimo appuntamento sabato 14 novembre fuoricasa contro L’ Erice mentre, sabato 21 novembre, si tornerà a porte chiuse nel teatro della Pallamano Padovana per la sfida contro le Guerriere Malo.

Cartellino:

CELLINI PADOVA: 10Aroubi, Sara; 18Aroubi, Fatima (reti 3); 6Bearzi, Martina(reti 1); 15Broch, Martina; 11Damean, Marcela(reti 1); 3Djiogap Yvana (reti 2); 4Djiogap Carelle (reti 6); 14Djiogap Vanessa (reti 5); 8Eghianruwa, Serena 22Ghiraldo, Valentina; 7Lincetti, Elisa (reti 1); 17Meneghini, Giorgia (reti 2); 19Prela, Angela; 13Scolaro, Chiara(reti 2).  All. Denemy G.

Oderzo: 5Brunetti, Arianna(reti 1); 11Colloredo, Eleonora(reti 4); 13Costa, Eleonora(reti 5); 9Di Pietro, Giorgia; 14Dipalma, Noemi; 20Duran, Arassay (VK)(reti 10); 44Felet, Elena; 12Meneghin, Barbara (K); 7 Oyesvold, Thina Elene Kolass(reti 4) 33Paraschiv, Alessandra; 15Pugliara, Beatrice (Reti 5) 34Traini, Francesca; 6 Vitobello, Sabina. All. A.Cavallaro.

Risultato finale: Cellini Padova 23  vs 29 Oderzo

pallamano cellini-4

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due anni di canone Telepass gratuito per chi risiede a Padova e provincia: l'iniziativa

  • Manifestazione #IoApro: l'elenco di bar e i ristoranti che aderiscono all'iniziativa

  • Andrea Pennacchi: «So taca na machina, ma respiro. Grazie a tutti i medici, sono in buonissime mani»

  • La pasticceria Le Sablon fa servizio al tavolo per #ioapro: prese le generalità a clienti e titolare

  • Famiglia si sbronza per "dimenticare" il parente morto: 17enne sviene, i genitori sfondano la porta del pronto soccorso per farlo curare

  • Solesino: primo comune italiano a dotarsi di un'Alfa Romeo Stelvio per la polizia locale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento