Cellini Padova ancora a caccia dei primi due punti, sconfitta casalinga nell'ultimo turno

Un altro sabato sera all’insegna della pallamano di qualità al Palafarfalle di Padova che non ha visto la pallamano Cellini Padova portare a casa i due punti sperati vista l’ottima partenza di gara

Cellini Padova ancora a caccia dei primi due punti. Meneghini e Ghiraldo non bastano per portare a casa il risultato.Un altro sabato sera all’insegna della pallamano di qualità al Palafarfalle di Padova che non ha visto la pallamano Cellini Padova portare a casa i due punti sperati vista l’ottima partenza di gara.

Campionato

Riparte il campionato a porte chiuse anche al Palafarfalle di via Vermigli per la 7° giornata di campionato di pallamano Cellini-3. Una partita studiata da parte della formazione di casa che da subito ha messo in difficoltà le avversarie grazie alla strategia dell’allenatrice Demeny Gyongyi, che ha da subito messo una marcatura ”ad personam” in fase di difensiva sulla temibile Tanic Marijana della formazione ferrarese. Visibile lo stress di tale tattica difensiva della Cellini Padova, anche dalle espressioni dell’atleta dell’Ariosto Ferrara, impossibilitata a toccare palla se non da ripartenza da gioco fermo, grazie all’incredibile marcatura del “mastino” Giorgia Meneghini, che non si è risparmiata per tutti i 60 minuti di gioco.

Ferrara

Il Ferrara, dopo un primo tempo teso e altalenante, terminato sul 15 a 18 per le ospiti, è riuscito a reimpostare la fase offensiva nel secondo tempo trovando, nella terzino Marinela Panayotova e nel capitano Katia Soglietti (9 reti ciascuna), un valido contributo che ha permesso alle ospiti di prendere il largo verso la metà del secondo tempo. Ha provato a mettere una pezza Valentina Ghilardo, entrata nel secondo tempo, sostituendo Martina Broch con interventi da manuale ma che non sono bastati a frenare l’avanzata ferrarese, forte dell’intesa fra Chiara Ferrara, Martina Crosta e Luciana Fabbricatore. In fase offensiva la Cellini Padova, oltre alle ottime prestazioni delle sorelle Djiogap (Carelle e Vanessa), ha visto come risposta alla vigorosa difesa del Ferrara le incursioni da parte delle ali Giorgia Meneghini e Marcella Damean, supportate dall’ottimo lavoro lungo la linea dei sei metri del pivot di Chiara Scolaro, che hanno dovuta vedersela con il portiere dell’Ariosto Ferrara Anja Rossignoli chiamata oggi a fare gli straordinari.

Partita

La partita si è conclusa con la vittoria delle ospiti che hanno dovuto rivedere più volte il loro assetto di gioco per trovare gli spazi per poter fronteggiare le padrone di casa che hanno ceduto il passo nel secondo tempo pur avendo mantenuto alti fino all’ultimo secondo di gioco ritmi e qualità nelle giocate offensive (per rivedere le partite del campionato femminile Seria A Beretta www.elevensports.it). Prossimo appuntamento mercoledì 4 novembre fuoricasa contro il Leno, mentre sabato 7 novembre si tornerà a porte chiuse nel teatro della Pallamano Padovana per la sfida contro la capolista Oderzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Femminicidio nella notte a Cadoneghe: uomo uccide la moglie a coltellate

  • Coronavirus, Zaia: «Ricoveri in ospedale, tutte le province venete in Fase 5 tranne Padova»

  • «Mi sono addormentato a casa della mia ragazza»: multa di 400 euro per il fidanzato ritardatario

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento