Cestaro e il capitano Italiano caricano i tifosi: “Sabato tutti allo stadio”

Il presidente del Padova e il centrocampista parlano a due giorni dalla sfida casalinga decisiva contro l'Ascoli. Fondamentale sarà il tifo del pubblico: per donne e ragazzi fino ai 25 anni ingresso a 1 euro

Il presidente Cestaro, intervistato dai nostri microfoni, ha fatto visita, oggi, alla squadra prima dell’allenamento del giovedì in attesa della partita contro l'Ascoli di sabato all'Euganeo.

L’umore nello spogliatoio, a giudicare dalle sue parole, sembra quello giusto per lo sprint finale: “Ho visto i ragazzi molto bene, lo spogliatoio è unito e sono tutti carichi per affrontare bene le partite che ci mancano. Peccato solo per l’infortunio a Gallozzi”. Un aiuto in più potrebbe arrivare alla squadra dai tifosi, in particolare giovani e donne che potranno entrare allo stadio pagando solo un euro: “Importante sarà l’apporto del tifo. Speriamo che il pubblico venga in massa, devono essere il dodicesimo uomo in campo”.

Dello stesso avviso il centrocampista Italiano che parla ancora di salvezza anche se vorrebbe fare un regalo ai tifosi: “Il nostro primo obiettivo è la salvezza e dobbiamo concentrarci per quello. L’Ascoli è una squadra tosta, senza le penalizzazioni sarebbero molto più in alto. Cerchiamo intanto di fare bene e ce la metteremo tutta, poi se arriveranno i playoff tanto meglio. Sarebbe il massimo regalo per noi e per i nostri tifosi. Per noi proprio il pubblico sarà l’arma in più e spero vengano in tanti per darci il giusto sostegno”. Facendo i calcoli saranno importanti anche le sfide delle avversarie: "Dobbiamo guardare anche alle altre squadre, Piacenza, Sassuolo e Pescara. Forse per noi sarà ancora più fondamentale la sfida col Torino".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, il capitano chiude con diplomazia la querelle tra Pederzoli e Legati: il primo accusato dal secondo di aver festeggiato in malo modo dopo la vittoria dell'andata davanti allo spogliatoio del Padova, sua ex squadra. “Io sinceramente non ho sentito nulla, ero arrabbiato per la sconfitta. Ho visto solo che esultavano. Ma credo che dobbiamo pensare solo a noi e a vincere”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Sr 308, morti il 19enne alla guida dell'auto e il camionista

  • Tragedia nell’Alta Padovana: malore improvviso, 16enne perde la vita

  • «Il suo reparto è in lutto con noi tutti»: infarto fatale per Elena, 39enne infermiera padovana

  • Lavoravano in nero e percepivano il reddito di cittadinanza: scoperti dalla guardia di finanza

  • Ex seminario Tencarola venduto a società bergamasca

  • Vaccino anti-Coronavirus, pronta a partire la sperimentazione in Veneto: l'annuncio della Regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento