menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presidente tenta di scavalcare la recinzione (foto: il Mattino)

Il presidente tenta di scavalcare la recinzione (foto: il Mattino)

Da furioso a fuori di sé: lo show di Cestaro "ultrà" ieri col Varese

L'ira del presidente biancoscudato ieri sera nella gara contro i lombardi è esplosa con tutta la sua forza: il patron vicentino, infatti, ha risposto ad un arbitraggio alquanto dubbio imprecando e tentando di scavalcare la recinzione dello stadio. E' stato bloccato da due uomini della Digos

Il presiedente biancoscudato che perde le staffe: non è la prima volta che la pazienza del patron sia limitata. Ipse dixit. Ma ci sono dei limiti che ieri Cestaro stava oltrepassando, creando uno show senza troppi precedenti.

LA GARA

GOL E HIGHLIGHTS

INSULTI. L’ira è esplosa dopo l’ennesimo episodio dubbio fischiato a sfavore dei biancoscudati: un cartellino ai danni di Rispoli giudicato eccessivo. La goccia che ha fatto traboccare il vaso di pazienza del patron che subito si è scagliato sul direttore di gara, imprecando, bestemmiando e accusandolo di essere “venduto”.

DALLE PAROLE... Non solo parole, però: il presidente ha anche cercato di scavalcare la recinzione per andare a dirgliene quattro di persona al fischietto Borriello. Per fortuna sono intervenuti prontamente due uomini della Digos che lo hanno trattenuto. Uno show che descrive perfettamente lo stato d’animo del tifoso biancoscudato:  da troppo tempo manca la vittoria, la classifica è diventata un incubo e in società non sono tutte rose e fiori.

PROVVEDIMENTI. Si attendono ora provvedimenti per il numero uno biancoscudato: in caso di squalifica mancheranno alla squadra i suoi incoraggiamenti urlati con gli altoparlanti allo stadio. Bei tempi di quando Cestaro era un semplice tifoso: la versione “ultrà” ancora ci mancava.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento