menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cittadella: sfida alla capolista Empoli e alle fake news

Al Castellani di Empoli la sfida con la capolista. La società granata è dovuta intervenire per smentire un falso comunicato della Procura Federale che è girato in rete

E' in programma domenica 7 marzo con inizio alle ore 15:00, allo stadio Carlo Castellani la sfda tra i padroni di casa dell’Empoli di Alessio Dionisi e il Cittadella di Roberto Venturato.

Turno

E' uno dei tre match domenicali che chiude il ventottesimo turno del campionato di serie B. Una sfida importantissima per i granata che fanno visita ai toscani che guidano saldamente la classifica, con due punti di vantaggio sul Monza nonostante una partita in meno. 

Sfida

In casa della capolista Empoli, il solo Nikolaou non e? riuscito a recuperare, mentre il promettente talento Ricci dovrebbe andare inizialmente in panchina. Il Cittadella di Mister Venturato, che non vince da tre gare dovra? fare ancora a meno di Cassandro, Vita, Pavan e Mastrantonio. In attacco si rivede Tsadjou. 

Fake

Il Cittadella è stato coinvolto suo malgrado in una vicenda, per colpa di una notizia falsa, un fake, che è  girata online. E' un falso comunicato della Procura Federale in cui si parla di una fantomatica squalifica a Stefano Marchetti dopo Monza-Cittadella. Al dg granata vengono attribuite frasi ingiuriose verso Boateng e Balotelli. Secca e netta la risposta della società granata:  «A.S. Cittadella è venuta a conoscenza dell’esistenza di un comunicato, che circola online, asseritamente attribuito alla Procura Federale FIGC, secondo cui il Direttore Generale, signor Stefano Marchetti, avrebbe pronunciato, nel corso della recente gara Monza-Cittadella, frasi dal contenuto ingiurioso e razzista nei confronti di due tesserati di  A.C. Monza.Si tratta di un documento falso conseguente ad una manomissione del contenuto del provvedimento della Procura.  Questa Società ed il Suo Direttore Generale si sono già rivolte alle competenti autorità al fine di segnalare l’accaduto e per far perseguire gli autori dello stesso e coloro che contribuiscono alla relativa diffusione».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento