Tutti di corsa. All'alba: arriva a Padova "5 alle 5", con tanto di colazione offerta

Dopo il successo dell’edizione trevigiana, l’ex maratoneta azzurro Salvatore Bettiol porta nella Città del Santo la sua corsa in orario antelucano: partenza alle 5 da Prato della Valle, e una volta tagliato il traguardo, colazione per tutti

E’ l’unica corsa in cui la sveglia serve più del cronometro. E in cui, alla fine, gli organizzatori offrono la colazione a tutti i partecipanti. Padova è pronta a svegliarsi all’alba per ospitare l’edizione inaugurale della “5 alle 5”, una corsa che scatterà da Prato della Valle, venerdì 5 luglio, alle 5 del mattino, e porterà centinaia di appassionati a fare passerella nel cuore di una città addormentata, e per questo ancora più affascinante.  

"5 alle 5"

Il nome dell’evento - “5 alle 5” - è un gioco di parole per spiegare l’essenza di una corsa originale e divertente, in programma a Padova venerdì 5 luglio, con partenza alle 5 del mattino e sviluppo di 5 chilometri. Le corse all’alba sono una moda ormai diffusa. Tantissimi podisti sono accomunati dal piacere di correre quando la città dorme e le strade sono ancora vuote. La corsa diventa così l’occasione per andare alla scoperta di angoli noti e meno noti dei centri storici cittadini. La “5 alle 5” sarà un evento allegro e divertente, ma dai toni bassi, quasi sussurrati, che non disturberà una città ancora in gran parte addormentata. Gli scopi non sono agonistici, ma di semplice aggregazione: per questo, la “5 alle 5” è aperta a tutti, senza obbligo di tesseramento. Ognuno, correndo o camminando, potrà seguire l’andatura che preferisce: qualcuno farà sul serio e terrà d’occhio il cronometro come se si trattasse di una vera gara, molti altri si limiteranno ad una semplice camminata. Alla fine, una volta tagliato il simbolico traguardo, colazione per tutti: caffè e brioche, prima di andare a lavoro. O di tornare a letto, a recuperare il sonno perduto.

Bonavina e Galtarossa

Le iscrizioni rimarranno aperte sino alla vigilia dell’evento. Al momento, uomini e donne sono ripartiti in egual misura, a conferma che le corse all’alba sono molte gradite dalle esponenti del “gentil sesso”, tanto da pareggiare (e, in qualche caso, superare) la presenza maschile. Gli iscritti sono in maggioranza padovani, ma non mancano atleti dalle province di Venezia, Treviso e Vicenza. Qualcuno arriverà persino da Ferrara e da Pordenone. Considerato l’orario di partenza, non era così scontato. Tra gli iscritti, anche l’assessore allo Sport del Comune di Padova, Diego Bonavina, e l’ex azzurro Rossano Galtarossa, monumento del canottaggio mondiale con le sue cinque partecipazioni olimpiche accompagnate da quattro medaglie.  

Il percorso

La “5 alle 5” partirà alle 5 in punto da Prato della Valle, più o meno all’altezza della Loggia Amulea, e nella stessa piazza sarà posto anche il traguardo. La corsa si svilupperà per 5 chilometri, toccando alcuni punti caratteristici del centro storico: da Piazza Duomo a Piazza dei Signori, da Piazza della Frutta alla Basilica del Santo. Queste le strade e le piazze toccate dalla corsa: Prato della Valle (partenza), via Umberto I, Via XX Settembre, Ponte Gregorio Barbarigo, Riviera Tiso, Piazza Delia, Ponte Paleocapa, Riviera Paleocapa, via San Tomaso, Piazza del Castello, via San Gregorio Barbarigo, via Domenico Vandelli, Piazza Duomo, Via Monte di Pietà, Piazza dei Signori, Piazza della Frutta, via Guglielmo Oberdan, via VII Febbraio, via San Francesco, Via Melchiorre Cesarotti, Piazza del Santo, Via Belludi, Prato della Valle (arrivo).  

La 5 alle 5 Padova_cartina percorso_b-2

L'organizzazione

A proposito di Olimpiadi, la “5 alle 5” è organizzata dal trevigiano  Salvatore Bettiol, ex maratoneta azzurro (quinto all’Olimpiade di Barcellona, secondo a New York nel 1988 e a Londra due anni più tardi), da qualche anno impegnato con successo in veste di organizzatore. La “5 alle 5” è nata a Treviso, dove lo scorso 7 giugno, alla quarta edizione, ha coinvolto 2600 runners e camminatori. Una volta archiviata la “5 alle 5” di Padova, l’attenzione di Salvatore Bettiol e dello staff di Bettiol Sport Events si sposterà sulla Mezza di Treviso, la gara sui 21,097 chilometri tra il centro storico e il Lungosile che, anche quest’anno (si correrà domenica 13 ottobre), promette di portare oltre duemila atleti al traguardo.   

Distribuzione pettorali

La distribuzione dei pettorali agli iscritti alla “5 alle 5” si svolgerà giovedì 4 luglio, dalle 14 alle 20, al negozio Non Solo Sport di Sarmeola di Rubano, e proseguirà venerdì 5 luglio, dalle 4 alle 4.30, in zona partenza, in Prato della Valle. Con il pettorale, puramente simbolico, non trattandosi di una gara, gli iscritti alla “5 alle 5” riceveranno una splendida t-shirt personalizzata, in materiale tecnico, realizzata da Diadora. I partecipanti saranno invitati ad indossarla durante la corsa.   

Potrebbe interessarti

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

  • Ferragosto da bollino rosso sulle autostrade venete: giorni di traffico intenso

  • Al top in Italia e nel mondo: Università di Padova al 160esimo posto su 20mila atenei valutati

  • Dall'assegno pre-natale agli asili nido gratis: nuova legge quadro per le famiglie in Veneto

I più letti della settimana

  • Terribile frontale auto-moto, gamba amputata per i due centauri padovani: sono in pericolo di vita

  • Decide di farla finita lanciandosi dal terzo piano di un hotel del centro: tragico suicidio a Padova

  • Ferragosto di sangue: lo schianto in autostrada è violentissimo, muore a 22 anni

  • Tentato stupro vicino alla sagra: strattonata e trascinata da due uomini verso un vicolo

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

  • Fermata e soccorsa mentre corre nuda in centro a Padova: «Sono sonnambula»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento