Appello dal coordinamento Enti Veneti Promozione Sportiva: «Lo sport di base deve ripartire»

Il Coordinamento degli Enti Veneto, rappresenta tutti gli Eps, che a loro volta rappresentano nel solo nella regione oltre mezzo milione di tesserati e migliaia di associazioni

L'appello viene dal coordinamento degli Enti Veneto di promozione sportiva: Facciamo ripartire lo Sport di Base". Il coordinamento rappresenta tutti gli Eps che a loro volta rappresentano nel solo Veneto oltre mezzo milione di tesserati e migliaia di associazioni.

L'appello

«Rappresentiamo la fucina dello sport d’eccellenza ma soprattutto l’essenza dello sport di base: dello sport per tutti. Gli Eps all’interno del Coni rivolgono particolare attenzione dello sport non per aspiranti agonisti agli “agonisti di vertice”, ma si rivolgono ai bambini, agli anziani, ai magri ed agli obesi, ai traumatizzati, ai disabili e alle famiglie, al gioco dell’infanzia svolgendo una attività complementare utile a tutto lo Sport e al paese. Un impegno utile a tutta la società e questo particolarmente in un momento nel quale anche gli spazi di aggregazione sportiva scolastica sono venuti meno. Rispondiamo perfettamente alla definizione di sport: “Lo Sport comprende qualsiasi forma di attività fisica che, attraverso una partecipazione organizzata o non, abbia per obiettivo l’espressione o il miglioramento della condizione fisica e psichica, lo sviluppo delle relazioni sociali o l’ottenimento di risultati in competizioni di tutti i livelli. Chiediamo per tanto l’urgente riapertura pianificata delle attività motorie. Certo, l’emergenza Covid-19 impone la massima attenzione e prudenza a tutela della salute dei cittadini per non vanificare gli sforzi ed i sacrifici fatti fino ad ora. Le attività motorie in genere sono state le prime ad essere fermate ed ora, per salvare il settore Sport/Movimento/Esercizio Fisico, Socialità, Benessere e Salute necessita, quanto prima, un programma chiaro e certo per la riapertura, in modo tale che tutti gli operatori del settore si possano riorganizzare e adeguare in tempi utili alle necessarie richieste di prevenzione sanitaria».

La salute

«Oltre all’evidente e devastante impatto economico delle chiusure, quello che ci preoccupa è anche il messaggio che viene divulgato, ovvero che l’esercizio fisico possa essere abbandonato (o praticato col “fai da te”) e che chi pratica l’attività motoria possa essere censurato (perché rappresenta un pericolo di contagio). Al contrario, si tratta di persone che attuando comportamenti meritori, aumentano tramite un razionale esercizio fisico le difese immunitarie, proteggendo se stessi e gli altri. Ciò permette, come risaputo e scientificamente provato, un considerevole risparmio di risorse economiche, nella spesa sanitaria, che potranno essere riservate a chi ne ha più bisogno. Promuovere il movimento, a tutte le età, contribuisce in modo significativo a preservare lo “stato di salute”, definito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), come stato di benessere fisico, psichico e sociale. Nella Regione Europea dell’Oms l’inattività fisica è responsabile ogni anno di un milione di decessi (il 10% circa del totale) e di 8,3 milioni di anni persi (decesso prematuro) al netto della disabilità (Disability adjusted life years, Daly). Si stima che siano imputabili all’inattività fisica il 5% delle affezioni coronariche, il 7% dei casi di diabete di tipo 2, il 9% dei tumori al seno e il 10% dei tumori del colon. Inoltre, molti paesi della Regione Europea hanno visto aumentare, negli ultimi decenni, le percentuali relative al numero di persone sovrappeso e obese. In 46 paesi (l’87% della Regione Europea), oltre la metà degli adulti sono in sovrappeso e obesi (dati acquisiti dalle “Prime linee di indirizzo nazionali sull’attività fisica” Ministero della Salute, data pubblicazione 15 marzo 2019)».

Evidenze scientifiche

«Non bisogna dimenticare quanto dimostrato dalle evidenze scientifiche in riferimento all’aumento delle difese immunitarie correlate con una regolare attività motoria: l’esercizio fisico, correttamente calibrato, è un fattore di stimolo positivo per il corpo umano, che abbinato ad un corretto stile di vita riduce i rischi di patologie croniche ed inabilitanti, condizione che si è rivelata letale nell’attuale emergenza sanitaria. Il rischio di una desertificazione delle strutture sportive è quanto mai concreto e non c’è alcun segnale che incoraggi gli operatori del settore. Nessuna programmazione a riguardo, nessun progetto o valutazione di riapertura fatto salvo lo studio commissionato dal CONI al Politecnico di Torino e trasmesso al ministero competente, ma che necessita dell’approvazione della commissione tecnico scientifica oltre che del governo. Le uniche iniziative rivolte al settore sport si riducono ad un parziale contributo per gli operatori e tecnici, alla sospensione degli affitti (solo per le strutture pubbliche) ed a un prestito garantito, risorse troppo limitate per le complessità e la gravità della crisi che stiamo affrontando. Auspichiamo quindi che venga adottato un piano strategico per sostenere tutto il settore promozionale dell’attività motoria, con particolare riferimento a quelle realtà che operano nel territorio con strutture private o in affitto da privati. Dovranno essere rispettate le misure di sicurezza, dovrà esserci un controllo delle affluenze, un distanziamento, l’uso di protezioni individuali (per gli utenti e per gli operatori), una sanificazione regolare, un monitoraggio della temperatura individuale e gli operatori del settore ne sono pienamente coscienti».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riorganizzazione

«Tutto ciò comporterà una sostanziale riorganizzazione con un considerevole ed ulteriore impegno economico che andrà a inasprire ulteriormente una situazione ormai drammatica, che mette già in crisi profonda tutto il settore. Ma siamo pronti a ripartire. La necessità di un chiaro programma di ri-apertura è sentita sia dalle più importanti realtà dello sport che dalle più piccole associazioni di promozione sportiva, che oggi si trovano coinvolte analogamente in questa emergenza. Da qui la necessità di conoscerne tempestivamente le modalità, per poter attuare tutte le azioni necessarie. Siamo fiduciosi che questo nostro appello venga tenuto nella giusta considerazione, a tutela della promozione dell’esercizio fisico, bene indiscutibile per la prevenzione e la salute di tutti i cittadini di qualsiasi età. Auspichiamo da parte del Governo degli aiuti economici consistenti, con immissione di liquidità anche a fondo perduto, a sostegno delle Asd/Ssd e delle famiglie considerato che i vecchi strumenti di finanziamento, saranno insufficienti e difficilmente gestibili da realtà de stinate a vedere gli introiti ridotti probabilmente del 50% e le spese accresciute non meno del 20%. Ci mettiamo a disposizione della Regione Veneto e delle istituzioni per la collaborazione in un tavolo di lavoro, anche con la presenza di esperti che possiamo mettere a disposizione, dove affrontare le problematiche di riapertura di Tutto il settore Sport con particolare riferimento all’attività motoria amatoriale e di base, fulcro del benessere e della socialità». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento