Ripartenza dello sport, il Coni Regionale sbloccherà i fondi per le Asd

«Ho subito sposato questo tipo di iniziativa – afferma Bardelle - e dato indicazioni, insieme ai colleghi a livello nazionale, per pensare alla sopravvivenza delle nostre società»

Dal Coni nazionale arriva la conferma che quanto richiesto dai Coni regionali per lo sblocco di risorse a favore delle Associazioni Sportive Dilettantistiche diventerà realtà. Di fatto il 50% delle somme accantonate in termine tecnico a “patrimonio” dai Coni Regionali e ulteriori risorse derivanti dallo storno di progetti nazionali quali Educamp, Centri Avviamento allo Sport e altre iniziative istituzionali del Coni verranno messe a disposizione delle società sportive attraverso l’erogazione di servizi e finanziamenti che saranno oggetto di discussione nei prossimi giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le risorse sul territorio

Questa decisione ha visto in prima fila anche il presidente del Coni Regionale del Veneto Gianfranco Bardelle impegnato in prima persona a riversare sul territorio quanto oggi sia possibile per supportare in modo concreto le ASD. «Ho subito sposato questo tipo di iniziativa – afferma Bardelle - e dato indicazioni, insieme ai colleghi a livello nazionale, per pensare alla sopravvivenza delle nostre società. Sul piano istituzionale stiamo facendo pressione, insieme con il presidente del Cip Ruggero Vilnai, su Regione, comuni e Governo perché si faccia presto e si attivino quanto prima tutte le proposte che abbiamo pensato e raccolto dai nostri interlocutori anche con il valido supporto della mia Giunta Regionale. Nei prossimi giorni intendo portare al vaglio ulteriori azioni per valorizzare il territorio e dare servizi concreti alle Asd. La nostra logica – conclude il presidente regionale del Coni Veneto – è lavorare nel breve per immettere liquidità nelle casse delle Asd, contribuire a risolvere e a facilitare la burocrazia che sta dietro alle famose linee guida che si stanno predisponendo ma anche di avere una visione di medio-lungo termine per attivare e guidare i nostri dirigenti verso i nuovi fronti dello sport».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Impatto violento tra la sua bici e un'auto: bambino di 9 anni elitrasportato d'urgenza in ospedale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento