Calcio a 5, la finale delle finali: Luparense e Acqua&Sapone si giocano lo scudetto in gara 5

In programma lunedì 11 al PalaSind di Bassano del Grappa: i patavini puntano a confermarsi campioni, conquistando così il settimo tricolore della loro storia

La finale delle finali. È tutto pronto al PalaSind di Bassano del Grappa, dove lunedì 11 Luparense e Acqua&Sapone si affronteranno per la sfida decisiva per lo scudetto di calcio a 5 dopo che i padovani sono riusciti a pareggiare la serie in quel di Pescara con la miracolosa vittoria in gara 4. Per i Lupi sarebbe la seconda affermazione consecutiva come campioni d’Italia e la settima della loro storia, confermandosi così squadra più vincente della storia di questo sport nello Stivale.

"La degna conclusione di un’annata spettacolare"

Mister David Marin analizza la sfida partendo da gara 4: “Sarà una gara spettacolare, la degna conclusione di un’annata molto buona. Sono contento di arrivare a giocare questa sfida perché vuol dire che i ragazzi in gara 4 hanno fatto quello di cui avevamo parlato subito dopo gara 3. Abbiamo avuto un brutto approccio prendendo gol dopo appena 13″ ma la reazione è stata da grandissima squadra. In questa finale ci siamo trovati di fronte una squadra forte che ci ha messi in difficoltà ma non abbiamo mai mollato e mercoledì sera penso si sia visto il dna di questi ragazzi. So che è prevista un’affluenza di pubblico davvero importante e non posso che esserne felice, ci aiuterà a spingere fin dall’inizio. Faremo il possibile per non deludere i nostri fantastici tifosi cercando di prendere energie da qualunque parte possibile”.

"Uno spot per il futsal italiano"

Anche il presidente Stefano Zarattini inquadra il match augurandosi che la spinta del pubblico possa essere fondamentale: “Sicuramente sarà uno spettacolo assoluto, uno spot per il Futsal italiano come dichiarato a più riprese. Andiamo verso il record assoluto di presenze per una partita del calcio a 5 italiano e non poteva essere altrimenti vista la portata dell’evento. Ci auguriamo che i tifosi possano darci una grande mano, la nostra Torçida è stata encomiabile anche in trasferta a Pescara sostenendoci, sia in gara 3 che gara 4, fino all’ultimo minuto. Adesso torneremo a giocare in casa nostra e penso che voglia dire tanto perché anche i bassanesi hanno sempre dimostrato attaccamento a questa squadra e sarà come giocare a San Martino. Ci sono pervenute richieste per biglietti da Lombardia, Piemonte, Emilia e tante altre regioni e ciò sta a significare che la gente vuole venire a godersi lo spettacolo. Sul piano tecnico ci aspetta l’ultimo atto di una stagione molto buona che potrebbe diventare ottima con la vittoria del settimo scudetto. Non dimentichiamo che questa squadra è arrivata in fondo a tutte le competizioni nazionali giocate in questa stagione e lo sforzo profuso dai ragazzi è stato senz’altro apprezzabile. Ora manca l’ultimo mattoncino, c’è un entusiasmo incredibile alla vigilia di questa partita e la giocheremo al 100% come abbiamo sempre fatto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui Colli: ciclista si scontra con un furgone, morto un 55enne

  • Rotogal brucia: inferno di fuoco all'alba. Il sindaco: «State in casa», Arpav monitora l'aria

  • Dalle acque gelide affiora un corpo di uomo: i passanti notano la salma lungo la riva

  • Smantellato giro di prostituzione e casa di appuntamenti in un residence della Guizza

  • Live maltempo: a Padova e provincia black out e rami caduti, Venezia in ginocchio

  • Cadavere in un campo, è un cacciatore sessantenne scoperto da un agricoltore

Torna su
PadovaOggi è in caricamento